L’Ecuador crea un nuovo parco nelle Ande. E limita il turismo nelle Galapagos

Parco Nazionale del Río Negro-Sopladora

Nelle Ande sorgerà un nuovo parco nazionale. È questa la promessa dell’Ecuador che il 23 gennaio scorso ha annunciato la nascita del parco, che si unirà alle 54 aree protette già esistenti in Ecuador.

Si tratta del Parco Nazionale del Río Negro-Sopladora situato nei pressi delle province meridionali di Morona Santiago e Azuay, all’interno della Cordigliera Real Orientale e vicino al Parco Nazionale di Sangay. L’area è dominata da altipiani quasi intatti delle Ande e dalle foreste che ospitano una grande varietà di specie animali e vegetali.

Vista l’importanza biologica e idrologica della regione, il Ministero dell’ambiente ecuadoriano e l’organizzazione non governativa Nature and Culture International (NCI) nel 2017 hanno firmato un accordo per incorporare 30.616 ettari dell’area di Río Negro-Sopladora nella proprietà statale di aree protette.

Le nuove tutele del Río Negro stabiliranno una connessione ininterrotta tra i vari habitat, essenziale per la sopravvivenza a lungo termine di specie come l’orso dagli occhiali, minacciato a livello mondiale, il tapiro andino e il condor andino gravemente minacciati in Ecuador. Il parco è ricco anche di flora e fauna e i suoi ecosistemi oggi sono ancora incontaminati, senza alcun intervento umano.

Nature and Culture International (NCI) ha fornito un ruolo guida ed essenziale durante i sette anni del processo di creazione del Parco Nazionale del Río Negro – Sopladora.

“Questa è una pietra miliare”, ha dichiarato Tarsicio Granizo, Ministro dell’ambiente ecuadoriano, durante la cerimonia ufficiale di dichiarazione di Macas. “Creare il Parco Nazionale è una questione seria, di grande importanza e responsabilità per le generazioni attuali e future”.

Il Rapid Biological Assessment di NCI nel 2017 ha registrato nell’area 546 specie di piante, uccelli, anfibi, rettili e mammiferi nella zona, comprese specie minacciate e non comuni. Tra quelle registrate, ci sono tre specie di anfibi completamente sconosciute: una rana, una salamandra e un ceciliano. Lo studio, condotto in pochi giorni e in cattive condizioni meteorologiche, riflette solo una piccola parte della biodiversità prevista del Parco Nazionale.

rio negro map

La conservazione della regione contribuirà anche agli sforzi locali e globali volti a mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici.

Renzo Paladines, direttore esecutivo NCI dell’America Latina, ha dichiarato: “Questo nuovo Parco Nazionale è uno dei risultati più importanti della lunga e proficua collaborazione tra il Ministero dell’Ambiente, il NSC, le comunità locali e le autorità nella conservazione del Corridoio Sangay – Podocarpus, una delle aree più ricche di biodiverse del pianeta. “

Un altro polmone verde che verrà tutelato affinché possa rimanere incontaminato.

LEGGI anche:

E non è tutto! L’Ecuador si mostra sempre più all’avanguardia quanto alla tutela ambientale anche su altri fronti. È di questi giorni la notizia della limitazione del turismo nelle Galapagos per proteggere i suoi delicati ecosistemi e le sue famose tartarughe. Inoltre, il popolo ecuadoregno, con più di 6 milioni di voti, ovvero circa il 70%, ha anche votato no alle trivellazioni petrolifere nel Parque Nacional Yasuní, con un referendum chiesto dal presidente Lenin Moreno,. Ora il governo dovrà bloccare lo sfruttamento dei territori degli indios.

Francesca Mancuso

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

tuvali
seguici su Facebook