Le pandemie influenzali dipendono dal clima e seguono la “La Nina”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le Pandemie influenzali? Dipenderebbero anche dal clima e dall’alternazione delle rotte migratorie! Secondo una ricerca effettuata della Columbia University, pubblicata sulla rivista dell‘Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), le oscillazioni climatiche date da La Nina fenomeno metereologico caratterizzato da un abbassamento evidente delle temperature oceaniche – spingerebbero gli uccelli migratori a cambiare rotta e questo favorirebbe l’insorgenza e la diffusione delle influenze pandemiche.

A supporto di questa teoria ci sono una serie di strane coincidenze: tutte le pandemie di influenza, dalla spagnola in poi, sono state precedute dalla Nina, ovvero da un evidente raffreddamento di temperatura delle correnti dell’Oceano Pacifo.

La ricerca non ha riflessi immediati, ma apre un approccio interessante allo studio delle pandemie – ha fatto sapere Andrea Pugliese, docente da Analisi matematica all’Università di Trento, – e cerca infatti di identificare elementi “predittori” in un fenomeno da sempre pensato come casuale, come appunto lo sviluppo di epidemie”.

E se si analizzano le date e gli eventi delle pandemie storiche, le coincidenze sembrano davvero troppe: nel 1918, periodo in cui si diffuse la Spagnola, nel 1957, quando ci fu l’Asiatica, nel 1968 dell’Hong Kong fino all’ultima pandemia dell’aviaria di tre anni fa, le influenze sono state sempre precedute dal passaggio de La Nina. Il legame tra i due fenomeni?
Il passaggio degli uccelli migratori, animali considerati ormai universalmente come serbatoio e origine dei virus influenzali.

Ma c’è di più: secondo gli studiosi che hanno seguito la ricerca, gli eventi climatici legati a La Nina provocherebbero anche una diversa interazione tra gli uccelli migratori e gli animali da allevamento, specie con i maiali; un fenomeno che porterebbe ad un aumento delle probabilità di avere nuovi ceppi influenzali fino ad oggi sconosciuti.

In realtà ha commentato Pugliese – lo studio suggerisce semplicemente una possibilità. A livello matematico le pandemie rappresentano un evento molto infrequente, sul quale risulta molto difficile poter fare una vera statistica in grado di confermare questa tesi’”.

Per confermare queste teorie, saranno necessari ulteriori studi, che analizzeranno i vari genomi dei virus influenzali. I dati emersi da questi test verranno poi messi a confronto con quelli relativi alle rotte migratorie delle varie specie di uccelli.

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook