@종호 신 /123rf

Oggi è l’Overshoot Day per l’Italia: siamo in debito con la Terra per tutto il resto del 2021

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni giorno l’umanità si indebita con la Terra, consumando più risorse di quelle che il Pianeta mette a disposizione. Per anni abbiamo si è continuato a farlo senza alcuna consapevolezza, per questo l’organizzazione di ricerca internazionale Global Footprint Network ha istituito l‘Overshoot Day, una giornata che segna l’esaurimento delle risorse rinnovabili che la Terra è in grado di offrire in un anno. Anche se a livello mondiale la data fissata è quella del 5 giugno, in occasione della Giornata dell’Ambiente, quest’anno all’Italia tocca fare i conti con il suo impatto sulla Terra il 13 maggio, con largo anticipo.

@Global Footprint Network

A livello globale, l’umanità ha esaurito il “budget” della Terra di un intero anno. Secondo le stime, nonostante la pandemia, nel 2021 l’umanità ha vissuto come se avesse a disposizione 1,6 pianeti come la Terra. E per quanto riguarda l’Italia, i dati non sono affatto confortanti. Per arrivare alla fine del 2021, mantenendo i nostri ritmi di consumo, servirebbero le risorse di circa 2,7 Terre. 

overshootday

@Global Footprint Network

Ma come viene viene calcolato l’Overshoot Day di ogni singolo Paese? Confrontando l’impronta ecologica dei suoi cittadini, ovvero la quantità terrestre e acquatica che serve a ogni individuo per produrre tutte le risorse consumate, con la biocapacità globale, cioè la capacità della Terra di rigenerare le sue risorse naturali. Da questo calcolo emerge che gli italiani avrebbero bisogno di un territorio grande tre volte l’Italia per produrre le risorse necessarie per soddisfare i loro consumi. E soltanto il Giappone ha registrato un dato peggiore di quello nostro. 

In realtà, non tutti gli Stati del mondo hanno un Overshoot Day. Questa giornata scatta nel momento in cui l’impronta ecologica degli abitanti di quel Paese supera la biocapacità globale. E a superarlo sono i Paesi ad alto reddito, che pur rappresentando soltanto il 14% della popolazione terrestre, sfruttano oltre il 50% delle risorse disponibili, mentre gli Stati più poveri continuano a restare indietro. 

Fonte: Global Footprint Network

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook