Non solo olio di palma! Anche la canna da zucchero mette a rischio le foreste indonesiane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’olio di palma non è il solo nemico delle foreste e della salute. Anche la canna da zucchero sta divorando ettari di foreste indonesiane. Nuovi piani prevedono l’aumento delle piantagioni a danno delle popolazioni indigene.

Secondo quanto riportato da Jakarta Post, le intenzioni del governo sono chiarissime: preparare tre aree dell’Indonesia orientale per nuovi allevamenti di bestiame e piantagioni di canna da zucchero, come confermato dal ministro dell’Agricoltura Amran Sulaiman: Sulawesi Sudorientale, Merauke e Isole Aru. Qui potrebbero sorgere almeno 10 fabbriche di zucchero e piantagioni grazie a 26 nuovi investitori stranieri.

Si parla di circa 500.000 ettari di terreno. L’annuncio va contro le dichiarazioni del governo precedente, in cui il ministro delle Foreste aveva assicurato che i permessi per la coltivazione di canna da zucchero sarebbero stati revocati nelle Isole Aru, perché i terreni non sarebbero idonei.

Era il 2014 quando i precedenti piani vennero annullati dal Ministro Zulkifli Hasan. Ma oggi si torna indietro, minacciando gravemente la foresta naturale che copre un’area 12 volte le dimensioni di Singapore e minacciando la vita delle comunità che vicono nelle Isole Aru.

“L’insistenza del governo a proseguire con la canna da zucchero nell Isole Aru mostra chiaramente il disprezzo per la conservazione delle foreste naturali ” ha detto Mufti Barri, attivista di Forest Watch Indonesia. “Alcuni di noi ritengono addirittura che l’obiettivo principale di questo progetto sia solo raccogliere legno naturale dalle Isole Aru.”

La domanda di legno e pasta di legno è un fattore di perdita delle foreste. La deforestazione è una grave minaccia per le comunità locali che da esse dipendono per la propria sussistenza. Il risultato non è solo una perdita di biodiversità locale e del patrimonio culturale, ma anche un grande contributo al riscaldamento globale.

Avvocati a gruppi indigeni promettono battaglia:

“La presenza di piantagioni nelle Isole Aru non solo degrada i piccoli ecosistemi insulari, ma porta a violazioni dei diritti umani contro i popoli indigeni che hanno tradizionalmente controllato e gestito i loro terreni agricoli e le foreste”, ha detto Abdon Nababan, segretario generale di Indigenous Peoples’ Alliance of the Archipelago (AMAN).

Un altro paradiso minacciato dalle lobby.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Nicaragua: salvare i coltivatori di canna da zucchero con acqua potabile e ombra?

Zucchero amaro: fermiamo il land grabbing di Pepsi e Coca Cola (VIDEO E PETIZIONE)

Zucchero delle Mauritius: boicottarlo per salvare i macachi dalla vivisezione (petizione)

Olio di palma: ecco come la lobby delle aziende alimentari tenta di confondere i consumatori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook