@ VolodymyrGoinyk/123rf.com

C’è un nuovo Oceano sulla Terra: è l’Oceano del Sud (e il suo ruolo nella crisi climatica è importantissimo)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Oceano del Sud è stato finalmente riconosciuto da un’organizzazione statunitense. Si tratta di un oceano da tempo individuato dagli scienziati, ma mai riconosciuto ufficialmente per mancanza di un accordo generale.

L’Oceano del Sud, o Oceano Antartico, è stato identificato dalla U.S. Board on Geographic Names come la massa d’acqua che di estende dalle coste antartiche fino a una latitudine di 60° Sud. I suoi confini erano stati già proposti nel 2000 dalla International Hydrographic Organization – anche se non tutte le nazioni hanno acconsentito alla sua promozione a rango di ‘oceano’.

L’acqua presente sul nostro pianeta ricopre il 71% della sua superficie ed è geograficamente diviso (e, quindi, chiamato in modi diversi). I confini fra queste regioni si sono sviluppati nel corso del tempo per numerose ragioni geografiche, culturali e scientifiche. Infatti, dal punto di vista storico finora esistevano quattro oceani: Atlantico, Pacifico, Indiano e Artico. 

A lungo gli scienziati e i geografi si sono interrogati, se le acque attorno alla calotta Antartica avessero caratteristiche uniche tali da guadagnarsi un nome proprio, o se fossero semplicemente estensioni estreme degli oceani Pacifico, Indiano e Atlantico.

Chiunque sia stato lì desidera spiegare cosa sia ci sia di ipnotico in questa massa d’acqua, ma certamente tutti saranno d’accordo nell’affermare che i ghiacciai sono più blu, che l’aria è più fredda, le montagne più spaventose e il paesaggio più seducente di qualsiasi altro posto nel mondo – dice Seth Sykora-Bodie, scienziato marino presso la National Oceanic and Atmospheric Administration.

Diversamente da quanto accade per gli altri oceani, i confini dell’Oceano Antartico non sono definiti da aree di terraferma, bensì dalla corrente circumpolare antartica, che si è stabilizzata circa 34 milioni di anni fa, quando la calotta antartica si è separata dal continente sudamericano.

La corrente scorre attorno alla calotta antartica da ovest verso est, definendo con il suo passaggio il confine del nuovo oceano: al suo interno, le acque sono più fredde e leggermente meno salate rispetto alle acque degli oceani più a nord.

Il ruolo di questa corrente è molto importante: essa infatti finisce nelle acque degli oceani Pacifico, Indiano e Atlantico, contribuendo a guidare il sistema di circolazione delle acque chiamato ‘cintura trasportatrice’, che trasporta le correnti calde in tutto il pianeta. L’acqua fredda e densa che arriva dall’Oceano del Sud aiuta anche a far depositare l’anidride carbonica sui fondali marini – con un impatto cruciale sul clima terrestre.

Fonte: NOOA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook