Emergenza gas: Tajani vuole riaprire il dibattito sul nucleare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il freddo siberiano che in queste settimane ha portato gelo e neve in tutte le regioni italiane ha fatto aumentare notevolmente i consumi di gas, destinati soprattutto alle industrie, ma anche alle abitazioni, tanto da creare il rischio di una vera e propria emergenza gas. Un fenomeno particolarmente evidente nel nostro Paese, dove la dipendenza delle forniture di materie prime dalle altre nazioni è praticamente totale.

Si torna quindi a parlare di gas e di Russia e, mentre in Puglia gli ambientalisti hanno dato vita ad una protesta contro la realizzazione di un nuovo gasdotto, che rifornirebbe il nostro Paese dal Mar Caspio fino in Puglia, si riapre non solo l’ipotesi di liberalizzare subito l’ENI, ma anche il dibattito sul nucleare, che sembrava archiviato dopo il referendum di giugno.

Sul problema dell’approvvigionamento del gas all’Italia – ha detto Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e responsabile per la politica industriale – bisogna dire la verità senza fare dell’allarmismo, ma mi sembra che ora sulla scelta del nucleare una riflessione vada fatta. L’incidente alla centrale di Chernobyl fu la fine del comunismo e il disastro alla centrale atomica di Fukushima in Giappone è stato più un problema legato allo tsunami”.

Non curante dei rischi del nucleare, non curante delle conseguenze del disastro di Chernobyl e Fukushima, Tajani continua a banalizzare sulla pericolosità dell’atomo e – fedele alla politica del governo Berlusconi – ha definito sciagurata la decisione di tutti gli italiani che il 12 e il 13 giugno hanno scelto di dire un no definitivo a questa folle alternativa.

Tra l’altro, proprio in questi giorni, la Francia – che continua ancora oggi a servirsi di 58 reattori nucleari sparsi su tutto il territorio nazionale – sembra non aver ancora risolto il problema della dipendenza dalle materie prime, perché l’energia prodotta dalle sue centrali non è sufficiente ad alimentare tutto il Paese. Segno che il nucleare non serve neanche a questo!

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook