La Norvegia vuole trivellare aree dell’Artico incontaminate. A rischio anche le Isole Svalbard

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A caccia dell’ultima goccia di petrolio. Poco importa se si metterà a rischio uno dei più delicati ecosistemi del mondo, già profondamente segnato dai cambiamenti climatici. Il Dio Denaro deve averla vinta. Per questo la Norvegia punta a spingersi sempre più a Nord, nel cuore dell’Artico, cercando di trivellare zone finora rimaste incontaminate, a soli 1000 km da Polo Nord.

Pessime notizie arrivano dal Nord Europa. La Norvegia sta pianificando di espandere le trivellazioni petrolifere in aree precedentemente incontaminate dell’Artico. Scelta che, secondo le principali associazioni ambientaliste, potrebbe gravemente minacciare il fragile ecosistema innescando una situazione di stallo militare con la Russia.

Mercoledì si è chiusa una consultazione pubblica sull’apertura di 9 nuovi giacimenti petroliferi norvegesi. Le aree in questione sono molto più a nord nell’Artico rispetto alle concessioni che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato per l’Alaska proprio nei giorni scorsi.

Secondo gli esperti, l’area che fa gola alla Norvegia è considerata rischiosa sia dal punto di vista ambientale che in termini di redditività. Inoltre, la ricerca di petrolio rischierebbe di creare scontri con le nazioni che sono parte del trattato delle Svalbard che regola l’attività nell’area interessata.

“Indipendentemente dai cambiamenti nell’ambiente, l’Artico è un luogo molto duro. Tante cose possono andare storte e quando qualcosa va storto … può causare danni estesi per molto tempo “, ha detto Ilan Kelman, professore di rischi, resilienza e salute globale. A suo avviso, non esistono trivellazioni petrolifere sicure nell’Artico.

E’ anche colpa del coronavirus

Cosa c’è all’origine della decisione norvegese di tuffarsi in questa impresa rischiosa e dannosa? A fornire una spiegazione è stato Helge Ryggvik, storico del settore presso l’Università di Oslo, secondo cui la mossa è il risultato delle difficoltà dell’industria petrolifera, crisi peggiorata durante la pandemia di coronavirus.

“Quando il governo del primo ministro Erna Solberg ha annunciato che l’asta di locazione sarebbe stata avviata, è stato il culmine di un processo lungo decenni che ha visto la Norvegia spostarsi lentamente sempre più a nord”, ha detto.

La Norvegia ha fissato il limite meridionale previsto del ghiaccio oceanico a sud delle Svalbard a giugno. L’esplorazione petrolifera a nord di tale limite non è consentita.

“Nel recente compromesso sul confine del ghiaccio, che ha ridisegnato la zona, la Norvegia si sta avvicinando al limite assoluto oltre il quale l’esplorazione petrolifera non sarebbe accettata da altre nazioni”, ha detto Ryggvik.

Il WWF, Greenpeace e Nature & Youth hanno inviato lunedì al governo norvegese una lettera aperta, sottolineando che in tutti i 24 precedenti round di concessioni tra il 2002 e il 2019, il governo aveva dato il via libera a licenze nelle aree in cui l’agenzia statale responsabile della regolamentazione delle risorse petrolifere aveva sconsigliato l’esplorazione.

Erlend Jordal, consigliere politico del ministero norvegese del petrolio e dell’energia, si è giustificato dicendo:

“Un’ampia maggioranza parlamentare ha aperto la maggior parte del Mare di Barents all’esplorazione petrolifera più di 30 anni fa. L’eccezione è rappresentata dal Mare di Barents sudorientale, che ha ricevuto un ampio consenso parlamentare nel 2013 a seguito di un accordo con la Russia sulle linee marittime tracciate. In Norvegia abbiamo una lunga esperienza con un’attività petrolifera solida e sicura nel Mare di Barents. Abbiamo le più severe normative in materia di salute e sicurezza al mondo e una politica proattiva per la coesistenza con la pesca”.

A rischio il delicato ecosistema delle Isole Svalbard

Secondo il trattato delle Svalbard, a cui hanno aderito 46 stati, la Norvegia detiene la sovranità sull’isola con alcune clausole. Regola la militarizzazione dell’arcipelago e consente a tutti i firmatari di intraprendere attività commerciali, sebbene solo Russia e Norvegia lo abbiano fatto finora. In quanto stato sovrano, tuttavia, la Norvegia è responsabile dell’ambiente e quindi potrebbe porre il veto a qualsiasi estrazione di petrolio.

“Se la Norvegia lo volesse, potrebbe prendere posizione”, ha detto Kelman. “Sappiamo che i combustibili fossili sono una fonte limitata, quindi dobbiamo liberarcene. La Norvegia e altri paesi hanno ora l’opportunità di ridurne l’uso e l’estrazione. Guardando al futuro, la Norvegia potrebbe esercitare il proprio diritto sovrano e renderlo migliore per il popolo”.

La mossa della Norvegia sulle trivellazioni ad appena 1000 km dal Circolo Polare Artico rischia anche di aumentare le tensioni con la Russia, per la quale l’area ha una grande importanza strategica. Di recente, il paese ha modernizzato i sottomarini nucleari ampliando la propria presenza in mare. Se la Norvegia decidesse di mettere le mani sui giacimenti petroliferi artici, la Russia probabilmente non ne trarrebbe alcun vantaggio.

Il termine per la richiesta delle concessioni è fissato all’inizio del 2021, cui dovrebbero subito seguire le concessioni. Speriamo che non accada.

Fonti di riferimento: Euractiv

LEGGI anche:

I nativi americani contro Trump: “Sta nascondendo la verità sulle trivellazioni nell’Artico”

La Norvegia si rifiuta di trivellare l’rtico. Scacco alle lobby fossili

Artico sotto attacco: le aziende spingono per iniziare le trivellazioni petrolifere (col benestare di Trump)

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook