Norma “sblocca reti”: la Prestigiacomo rivendica il potere sulle centrali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sempre carina, sorridente, impeccabile, ma soprattutto ubbidiente. E con le lacrime. Ci eravamo abituati a vederla così, ma quando in ballo c’è il potere, anche Stefania Prestigiacomo sa tirare fuori gli artigli e sbraitare contro il provvedimento che mette in pericolo l’autorità della sua poltrona.

A far sollevare l’ira della ministra, l’articolo 4 del DDL anti crisi attualmente al vaglio della Camera che metterebbe in mano a commissari straordinari individuati dal ministero dello Sviluppo economico di concerto con il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e sentito quello per la Semplificazione normativa, le procedure autorizzative e tutte le attività di competenza delle amministrazioni pubbliche relative alla realizzazione di centrali elettriche, comprese quelle nucleari appena reintrodotte.

Norma “sblocca-reti” è stata definita, ma che la Prestigiacomo ha appellato come “assurda” in un’intervista al Giornale e considerato come un’ingerenza inaccettabile con il suo Ministero: “una norma che, in barba all’opinione del ministro competente, in spregio alla tutela ambientale prevista dalla Costituzione, rischia di provocare gravi danni al territorio e la sollevazione delle popolazioni interessate”.

Sentirsi esclusi non fa certo piacere a nessuno e a chi sostiene, come Confindustria, che l’obiettivo di tale provvedimento è quello di snellire i procedimenti di autorizzazione delle centrali troppe volte incagliati nella burocrazia del Ministero dell’Ambiente, la Prestigiacomo rivendica il suo operato svolto in questi 13 mesi di governo:”Non è possibile che dopo un anno passato a lavorare come muli, rimuovendo incrostazioni ideologiche e lentezze burocratiche, ora che la macchina delle autorizzazioni funziona a ritmo serrato, si decida un’assurdita’ del genere”. E, in piena polemica con Roberto Calderoli: “Non si puo’ credere di far passare, agitando la bandiera della semplificazione, lo spostamento di poteri da un ministero all’altro…”.
Da “gladiatora” conclude poi difendendo coi denti l’autorità e l’opportuntià del suo dicastero: ”Qui e’ in ballo il patrimonio ambientale dell’Italia, la prima delle ricchezze del Paese, nonché la salute dei cittadini. Cose sulle quali – sottolinea con forza – non si può scherzare, per dare un po’ più di potere all’uno o all’altro. Lo trovo incomprensibile, tanto più che il mio ministero non fa certo sconti a nessuno, ed è l’autorità che può garantire la trasparenza necessaria che abbiamo messo come nostro primo comandamento”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook