NO MUOS: Sicilia unita contro il maxi-radar USA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fermare la costruzione del MUOS, Mobile User Objective System, il nuovo sistema di telecomunicazioni satellitare voluto dalle forze armate USA che sta per essere installato nella riserva naturale della sughereta, a circa 2 km da Niscemi (Caltanissetta). E che sta terrorizzando i cittadini a causa delle possibili conseguenze negative sulla salute. È questa la promessa fatta dalla Commissione Ambiente dell’Ars, riunitasi in trasferta ieri proprio a Niscemi.

A ribadirlo c’erano Giampiero Trizzino, deputato regionale del M5S e presidente della Commisione, Fabrizio Ferrandelli, primo firmatario della mozione No Muos, l’assessore all’Ambiente Mariella Lo Bello, i rappresentanti di Arpa Sicilia, Legambiente e Wwf regionale e alcuni esperti, come il professor Massimo Zucchetti, ordinario di impianti nucleari, cattedra di protezione delle radiazioni del Politecnico di Torino, e il professor Massimo Coraddu del dipartimento di Energetica del Politecnico di Torino, oltre al giornalista Antonio Mazzeo, autore del libro “Un Eco MUOStro a Niscemi”.

Tutti d’accordo nel chiedere immediatamente la sospensione dei lavori e di conseguenza la revoca delle autorizzazioni di massima. Soprattutto per via del fatto che il mega sistema satellitare, sconosciuto ai più, ma da tempo al centro delle preoccupazioni dei comitati locali nati per contrastarlo e della cittadinanza tutta, trasmetterebbe segnali a grande potenza e a un ampio spettro di frequenze per un raggio d’azione di circa 130 km. Anche perché, nonostante la sospensione in autotutela annunciata dal governatore Rosario Crocetta, i lavori vanno avanti ad oltranza, come denunciano compatti attivisti, studenti, cittadini e comitati con foto e filmati.

no muos 2

Lunedì prossimoha detto Lo Bello – convocherò i legali per studiare la situazione ed agire di conseguenza. Quello che sta succedendo qui è qualcosa di terribile. Il nostro non è antiamericanismo, c’è un sistema di sovranità popolare che va rispettato. Anche il governo nazionale deve capire che il vento è cambiato“. Al contrario, il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, ha già rassicurato il segretario alla Difesa Usa, Leon Panetta: il Muos si farà, perché “asset strategico per l’Alleanza Atlantica“.

Con queste parole De Paola ribadisce che lo Stato italiano ha deciso di appoggiare l’elemento chiave delle future strategie di guerra Usa, che assicurerà il trasferimento d’informazioni e dati a una velocità mai raggiunta nella storia delle telecomunicazioni e consentirà alle forze armate statunitensi di rafforzare ulteriormente la propria superiorità militare.

In barba alla salute e al volere dei suoi cittadini. E con buona pace dell’ambiente e delle riserve naturali.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Caccia F35. Non vogliamo altre armi, investiamo quei soldi in scuole, asili ed energia pulita

I caccia bombardieri dello spreco: invece di un F-35 si potrebbe…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook