New Delhi sta nuovamente soffocando nello smog tossico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

New Delhi è tornata nuovamente ad essere la capitale con la peggiore qualità dell’aria al mondo, giovedì scorso ha registrato il suo giorno più ‘tossico’ con concentrazione di particelle velenose PM2,5 a 14 volte superiori rispetto al limite di sicurezza stabilito dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Non solo l’ondata di pandemia che con 40omila casi confermati in città, ma c’è un altro rischio per la salute dei 20milioni di abitanti: ovvero lo smog soffocante che è ripreso a pieno ritmo dopo il lockdown. Immagini drammatiche che mostrano New Delhi in una sorta di cappa.

“In questo momento a Delhi, il coronavirus e l’inquinamento stanno causando un grave caos”, ha detto Arvind Kejriwal, il primo ministro.

“Il cielo è coperto di fumo e, per questo, anche la situazione del coronavirus sta peggiorando”.

Le particelle PM2,5 hanno un diametro inferiore a 2,5 micron, per questo possono penetrare nei polmoni ed entrare nel sistema sanguigno, causando potenzialmente malattie cardiovascolari e respiratorie, incluso il cancro ai polmoni.

“Mi sono svegliato con la sensazione che il fumo tossico fosse bloccato nella mia trachea”, ha detto Rahul Ojha, un residente.

L’inquinamento atmosferico di Nuova Delhi peggiora ciclicamente nei mesi di ottobre e novembre per diverse cause: lo smog, temperature elevate, senza dimenticare gli agricoltori che bruciano sterpaglie.

Giovedì scorso, l’agenzia federale di monitoraggio della qualità dell’aria ha registrato 4135 incidenti agricoli, i più alti della stagione. I petardi accesi mercoledì per una festa indù hanno poi peggiorato la situazione.

Il livello medio di PM2,5 era di 370 per metro cubo d’aria contro il limite di sicurezza prescritto dall’OMS di 25 per metro cubo. L’indice complessivo di qualità dell’aria che include altri inquinanti oltre alle particelle PM2,5, ha superato i 460 su una scala di 500, il peggiore dal 14 novembre 2019.

“Nell’85% delle famiglie a Delhi c’è qualcuno che lamenta difficoltà a respirare, tra gli altri sintomi”, ha detto Sachin Taparia di LocalCircles, la piattaforma social che ha intervistato quasi 6mila famiglie sull’impatto dell’inquinamento atmosferico.

L’inquinamento a Nuova Delhi era quasi scomparso all’inizio di quest’anno, quando il governo aveva imposto un blocco nazionale per contenere il coronavirus, ma è tornato da quando sono state revocate le restrizioni. “L’aria di Delhi è diventata pericolosa. Gli impianti di carbone intorno a Delhi devono essere chiusi immediatamente insieme alle attività di costruzione “, ha affermato Vimlendu Jha, il fondatore dell’organizzazione no profit Swechha.

Fonte: NDTV/Al jazeera/Free Malaysia Today

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook