Nave Costa Concordia: ripartono le operazioni di recupero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Costa Concordia. Sono ripartite oggi le operazioni di recupero del carburante dalla nave arenata a due passi dall’Isola del Giglio. I lavori erano stati bloccati lo scorso 17 marzo per via delle condizioni meteo e dei forti venti che si sono abbattutti sull’isola dell’arcipelago toscano.

Sabato scorso, infatti, a causa del peggioramento delle condizioni marine, le operazioni di recupero del carburante erano state temporaneamente sospese. I tecnici delle società Smit Salvage e Neri sono stati costretti a riportare il pontone Meloria in porto dopo le operazioni di defueling che avevano già consentito il recupero, dai serbatoi della sala macchine, di 49 metri cubi di idrocarburi sui circa 300 restanti. A rivelarlo è stata la protezione civile, in una nota.

Questa mattina però i tecnici hanno riavviato le operazioni riposizionando il pontone di fronte alla parte centrale della Concordia e stanno continunando ad estrarre il carburante ancora racchiuso all’interno del relitto. Si tratta di uno degli interventi più complessi visto che il carburante si trova nella sala macchine, l’area meno semplice da raggiungere.

A causa del maltempo, anche il personale subacqueo delle forze operative presenti sull’isola era rimasto a terra e non era riuscito nel corso del weekend, ad effettuare le immersioni di routine volte al monitoraggio dei marker che registrano i movimenti dello scafo. Sospese anche le immersioni del R.O.V., il robot che scandaglia le acque e l’imbarcazione.

Ma oggi grazie al miglioramento delle condizioni meteo, le operazioni sono ripartite e i tecnici delle società Smit Salvage e Neri hanno già effettuato i lavori propedeutici al pompaggio del carburante rimasto nei serbatoi della sala macchine.

E la Protezione civile in una nota ha confermato che si è svolta l’ordinaria attività di sopralluogo e assistenza in mare della Capitaneria di Porto. Anche il personale subacqueo della Capitaneria e della Polizia di Stato ha ripreso le quotidiane immersioni per il monitoraggio dei marker che valutano i movimenti della nave. Non sono emerse anomalie riguardanti la sua posizione né perdite di carburanti durante le operazioni di recupero.

Francesca Mancuso

https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/7151-nave-costa-concordia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook