@ANSA FOTO

Moria di pesci nel Tevere: è ancora mistero sulle cause (e uno scaricabarile di responsabilità per rimuovere le carcasse)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un pericoloso rimpallo di responsabilità rischia di generare una situazione invivibile e igienicamente insostenibile

Ci eravamo lasciati una settimana fa, quando centinaia di pesci galleggiavano morti sulle acque del fiume Tevere a Roma. Una moria che si verifica di frequente e che in molti imputano ai veleni che finiscono nell’acqua. Ma i pesticidi sembrano non essere l’unica causa. Anzi, su quanto provochi queste morti rimane un mistero, mentre le carcasse sono ancora lì a generare olezzi disgustosi e pericolosi.

I primi avvistamenti della moria di quest’anno ci furono proprio lo scorso 26 agosto, al largo del litorale a nord di Roma e sulla costa di Fregene e Maccarese. Poi, si sono registrati lungo gli argini del Tevere fino a Ponte Marconi e poi ancora nel tratto di fiume che passa vicino a Castel Sant’Angelo.

E non solo: nella darsena del porto di Fiumicino, vicino a uno dei due bracci della foce del Tevere, sono stati recuperati ben sei quintali di pesci morti. Una gran quantità di pesci senza vita, soprattutto carpe, cefali e pesci siluro, che nella maggior parte dei casi è lasciata lì a marcire, generando odori nauseabondi.

Ma perché accade ciò?

Le prime ipotesi per spiegare la moria erano arrivate dal WWF Roma e Area metropolitana, secondo cui la causa più probabile sarebbero state le sostanze chimiche utilizzate nelle campagne che con le piogge sarebbero state portate a valle concentrandosi nei fiumi:

Ma la Polizia fluviale ritiene piuttosto che la causa sia da ricercare nei metalli e negli idrocarburi depositati sulle strade dai gas di scarico, che si sono accumulati durante i periodi di siccità e che sono stati poi lavati via dai temporali di fine agosto e finiti nel Tevere. 

Ma anche su questo aspetto c’è molto da verificare.

Le analisi dell’ARPA Lazio

A non chiarire ulteriormente il quadro ci pensa anche l’Agenzia regionale per la protezione ambientale, che ha rilevato campioni di acqua e pesci morti a fine agosto. Ebbene, nulla di nuovo:

I dati provvisori ottenuti e le misure effettuate in campo non hanno evidenziato fino al momento particolari criticità. Infatti le misure in campo hanno mostrato una normale presenza di ossigeno disciolto e le analisi chimiche e microbiologiche non si discostano in modo significativo dai dati generalmente riscontrati durante le attività di monitoraggio del fiume – si legge nella relazione rilasciata dall’Arpa Lazio. In particolare i parametri: ammoniaca non ionizzata, cianuri, e anche il carico di materiale organico appaiono sostanzialmente nella norma. 

acqua tevere

@ARPA Lazio

Come a dire, quindi, che rimane il mistero. 

Per comprendere meglio il fenomeno, la stessa Arpa porta in evidenza un confronto con i due eventi di “moria ittica” del 2020 avvenuti nello stesso tratto del fiume il 30 e il 31 maggio e il 4 e 5 luglio, “in giorni immediatamente successivi a intensi fenomeni piovosi preceduti da un periodo di relativa siccità“.

Anche quest’anno, la moria è avvenuta a circa 48 ore di distanza dalla bomba d’acqua che interessò la Capitale il 24 agosto, dopo un periodo di magra del Tevere.

Per l’Agenzia si potrebbe quindi pensare a un meccanismo simile a quello di un anno fa:

Dopo un periodo di siccità – si legge nel comunicato – intense ed improvvise precipitazioni possono in breve tempo convogliare nel corpo idrico recettore una notevole quantità di sostanza organica dilavata dai terreni, fossi di scolo e piccoli tributari. La degradazione della sostanza organica convogliata repentinamente e in quantità massicce nel corpo idrico recettore può generare una forte sottrazione dell’ossigeno disciolto nell’acqua, facendone crollare la concentrazione e causando anossia dei pesci.

Si parla insomma di mancanza d’ossigeno, ma non di sostanze inquinanti arrivate dai terreni.

Intanto, le centinaia di carcasse di pesci morti sono ancora lì e nessuno le muove.  Lo scaricabarile è cominciato già da un po’ e di  mezzo ci vanno abitanti e ristoratori. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: WWF Roma e Area Metropolitana / ARPA Lazio

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook