Il Monviso si sta sgretolando: cede di nuovo la parete nord del Re di Pietra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non ce la fa a sopportare le temperature troppo elevate e la mancanza di piogge e si sta sgretolando: il Monviso, per noi italiani il  “Re di Pietra”, cede e si sgretola.

In questi giorni si è infatti verificato un nuovo distacco dalla stessa parete nord da cui già a dicembre scorso si era staccata un’enorme massa di roccia, di ghiaccio e di neve a una quota di 3300 metri.

Anche la grande montagna delle Alpi piemontesi visibile da gran parte della Pianura padana, dalla quale nasce il Po, soffre, manco a dirlo, dei cambiamenti climatici.

L’anno scorso a sgretolarsi furono i Torrioni di Sucai, a due passi dal canalone Coolidge e già allora si misero in allerta gli esperti e da allora il Monviso è un sorvegliato speciale da parte dell’Arpa.

Tenendo conto della quota e dell’esposizione del settore di parete crollato si può ipotizzare che, oltre alla fratturazione della roccia, la degradazione del permafrost abbia rivestito un ruolo determinante nell’innesco del processo”, dissero allora dall’Arpa.

Dopo il primo sopralluogo di gennaio, quando c’era ancora la neve, gli esperti sono tornati nella zona dei distacchi il 15 giugno scorso, ma “la velocità di degradazione di questa parete sta aumentando”, conclude Barbero, direttore del Dipartimento rischi naturali dell’Arpa.

Fonti: la Repubblica Torino / Arpa Piemonte

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook