Antartide: gli scienziati scoprono enormi catene montuose e profonde valli sotto il suo ghiaccio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Al Polo Sud ci sono montagne e valli che guidano le lastre di ghiaccio da una zona all’altra dell’Antartide. Una ricerca dell’ESA potrebbe presto prevedere alcune conseguenze dei cambiamenti climatici, che stanno innalzando il livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacci polari.

Un gruppo di ricerca guidato dalla Northumbria University (Regno Unito) ha scoperto in Antartide delle vere e proprie catene montuose e tre enormi e profonde vallate subglaciali, grazie ai dati raccolti durante la prima indagine aerogeofisica nella regione del Polo Sud, parte del progetto PolarGAP dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

Possibile che non fosse ancora completamente nota la morfologia del nostro Pianeta? In realtà, sebbene ci siano ormai moltissimi dati satellitari esaurienti che aiutano a immaginare la superficie della Terra e il suo interno profondo, c’era ancora un “buco”, ovvero una zona, proprio attorno all’area del Polo Sud, che i satelliti, a causa dell’inclinazione delle loro orbite, non riuscivano a “vedere”.

Da questo è nato il progetto PolarGAP, pensato per colmare questo “vuoto”. Oltre alla superficie, i ricercatori hanno acquisito anche dati radar aerei per consentire di verificare la morfologia nascosta sotto la calotta glaciale e sono riusciti ad arrivare a quelle zone che controllano la velocità con cui scorre il ghiaccio tra le calotte polari dell’Antartide orientale e occidentale.

Purtroppo, come sappiamo, i cambiamenti climatici riducono la superficie del ghiaccio, quindi alcuni “pezzi” si muovono sulle zone sciolte, innalzando il livello del mare e creando non pochi problemi alla fauna locale (orsi polari, tanto per citare un esempio). E sono proprio questi avvallamenti che potrebbero aumentare la velocità con cui il ghiaccio scorre dal centro dell’Antartide verso la costa.

La valle più grande, conosciuta come Trough, è lunga più di 350 km e larga 35 km. La sua lunghezza è equivalente alla distanza da Londra a Manchester, mentre la sua larghezza ammonta a più di una volta e mezza la lunghezza dell’isola di New York a Manhattan. E le altre due non sono da meno: Patuxent è infatti lunga più di 300 km e larga oltre 15 km, mentre il bacino di sfasamento è lungo 150 km e largo 30 km.

Northumbria Uni researchers discover three vast canyons buried in the South Pole (subtitled) from Northumbria University on Vimeo.

“Poiché c’erano lacune nei dati satellitari intorno al Polo Sudspiega Kate Winter, autrice principale del lavoro – nessuno sapeva esattamente cosa ci fosse […] Ora capiamo che la regione montuosa sta bloccando il ghiaccio dall’Antartide orientale che scorre attraverso l’Antartide occidentale fino alla costa. Inoltre abbiamo anche scoperto tre valli subglaciali nell’Antartide occidentale che potrebbero essere importanti in futuro”.

“Se la calotta glaciale si assottiglia o si ritira, questi “corridoi” potrebbero facilitare un maggiore flusso di ghiaccio nell’entroterra e potrebbero portare allo spostamento del ghiaccio nell’Antartide occidentale. Ciò, a sua volta, aumenterebbe la velocità con cui il ghiaccio fuoriesce dal centro dell’Antartide fino ai suoi bordi, portando ad un aumento dei livelli globali del mare.

I risultati dunque potrebbero consentire agli studiosi di prevedere cosa accadrà se la calotta glaciale si assottiglia. In altre parole ora è più chiaro come la calotta antartica orientale abbia potuto rispondere ai cambiamenti del passato e come potrebbe farlo in futuro.

Il lavoro è stato pubblicato su Geophysical Research Letters.

Sui cambiamenti climatici leggi anche:

Roberta De Carolis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook