No alle fossili: il mondo si prepara alla mobilitazione di massa per bloccare miniere e industrie

Una mobilitazione globale per chiedere di fermare le estrazioni di petrolio, gas e carbone e di avviare la transizione verso un’economia al 100% rinnovabile: stiamo parlando di Break free from Fossil Fuels, un progetto transnazionale nato dalla collaborazione di realtà che da anni si battono contro i cambiamenti climatici, e che ha in calendario una serie di azioni dimostrative per il prossimo mese di maggio.

L’iniziativa, che vede la collaborazione di realtà come 350.org e Greenpeace International, è nata per spingere i Governi a concretizzare i buoni propositi e emersi nel corso della scorsa COP21 di Parigi e per diffondere una maggiore consapevolezza nelle persone, orientando il Pianeta verso un futuro energetico più pulito e più giusto.

In concreto, tra il 4 e il 15 maggio prossimi, numerosi siti minerari e industriali, individuati sulla base della pericolosità per l’ambiente e le persone, saranno teatro di azioni di disobbedienza civile e di marce pacifiche. La speranza è che migliaia di persone aderiscano all’iniziativa, camminando insieme sulle miniere o magari sedendosi a terra per bloccare le attività dei siti industriali ed estrattivi.

“Vogliamo essere certi che non ci siano battute di arresto nella richiesta di mantenere i combustibili fossili non ancora estratti nel terreno e nella sfida alle multinazionali del petrolio, del gas e del carbone.”ha dichiarato William Bates di 350.org“Abbiamo bisogno di interrompere il flusso normale degli affari se i Governi non mettono in atto le politiche necessarie a risolvere il problema. Lo riteniamo necessario e pensiamo che sia nell’interesse di tutti.”

I Paesi in cui sono in programma azioni dimostrative e mobilitazioni sono Germania, Spagna, Indonesia, Nigeria, Stati Uniti, Canada, Brasile, Sudafrica, Israele, Palestina, Turchia, Filippine e Australia: al momento, non sono stati diffusi ulteriori dettagli, si sa soltanto che ogni azione sarà il frutto della collaborazione tra attivisti locali e coordinamento internazionale.

All’inizio del mese di maggio, inoltre, Reclaim the Power, un movimento britannico anti-fossili, porterà avanti un’azione pacifica per fermare le attività della più grande miniera di carbone a cielo aperto del Regno Unito, quella di Ffos-y-fran, in Galles.

Nessuna mobilitazione è invece prevista nel nostro Paese, in cui attualmente, accanto a centrali e raffinerie, è operativa una sola miniera di carbone (nel Sulcis, Sardegna sud-occidentale) e in cui, è bene ricordarlo, il prossimo 17 aprile si celebrerà il referendum sulle trivellazioni nel mare Adriatico. Un’occasione che permetterà ai cittadini di far sentire la loro voce.

Lisa Vagnozzi

Cambiamenti climatici: i movimenti anti-fossili danno appuntamento a maggio per azioni di disobbedienza civile e mobilitazioni in tutto il mondo

LEGGI anche

Cambiamenti climatici: mari più alti di 1,3 metri entro il 2100

La Colombia vieta le trivellazioni per difendere i parchi naturali

Referendum trivelle, si vota il 17 aprile: il regalo del governo alle lobby fossili

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Roma Moto Days

Al Motodays 2020 va in scena la mobilità elettrica

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook