@kwangmoo/123rf

Il Ministero della Transizione Ecologica è alla ricerca di 218 laureati da assumere a tempo indeterminato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) sta cercando laureati da assumere con contratto a tempo indeterminato. Lo scorso 23 giugno è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto legge che autorizza il MiTE, che dal 2021 ha sostituito il Ministero dell’Ambiente, a reclutare 218 laureati, in possesso di una laurea specialistica i varie discipline.

Queste assunzioni serviranno “per consentire l’attuazione delle politiche di transizione ecologica anche nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), di supportare le funzioni della Commissione tecnica PNRR-PNIEC” si legge nel testo del decreto. Inoltre, il lavoro del nuovo personale aiuterà il ministero, guidato da Roberto Cingolani, a conseguire gli obiettivi di decarbonizzazione e di politica ambientale assunti in ambito europeo con l’Accordo di Parigi.

Le assunzioni sono previste per il biennio 2021-2022. A breve, quindi, sarà pubblicato il bando con le procedure concorsuali pubbliche che potranno svolgersi secondo le modalità semplificate introdotte dal decreto “Contenimento Covid”.

I profili ricercati 

Come anticipato, il MiTE prevede l’assunzione di 218 figure da assumere a tempo indeterminato. Come si legge nel decreto, si ricerca “personale non dirigenziale ad elevata specializzazione tecnica, da inquadrare in Area III.”

Per partecipare al concorso i laureati devono essere in possesso di una laurea specialistica nelle seguenti settori:

  • ingegneria
  • fisica
  • architettura
  • economia
  • scienze biologiche
  • scienze chimiche
  • scienze geologiche e geofisiche
  • scienze della comunicazione
  • scienze naturali, ambientali, agrarie e forestali
  • scienze statistiche 
  • informatica

Inoltre, verrà data priorità ai laureati che vantano un’esperienza lavorativa in materia ambientale nell’ambito della pubblica amministrazione.

Come chiarito nel testo del decreto legge, il 50%  dei posti è riservato a coloro che “abbiano svolto, alle dipendenze di società a partecipazione pubblica attività di supporto tecnico specialistico e operativo in materia ambientale presso il soppresso Ministero dell’ambiente, del territorio e del mare ovvero presso il Ministero della transizione ecologica per almeno due anni, anche non continuativi, nel triennio anteriore alla predetta data”.

Il bando sarà pubblicato a breve sul sito del MiTE.

Fonte: Gazzetta Ufficiale 

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook