Scampi alla griglia… in plastica: fibre tessili e microplastiche nei pesci del Santuario dei Cetacei. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le microplastiche hanno ormai raggiunto ogni angolo del nostro mare, anche in un’area che dovrebbe esserne priva, il Santuario dei Cetacei, tra la Toscana, la Corsica e la Liguria. Una nuova indagine di Greenpeace ha scoperto che anche un terzo di pesci e invertebrati che vivono nel Tirreno centrale ha mangiato una malsana zuppa a base di fibre tessili e microplastiche.

Scampi alla griglia in plastica, zuppa di scorfano alla plastica, acciughe e sgombri al forno con plastica.

Secondo Greenpeace, il menu dell’estate degli italiani è a base di plastica. Sì, è vero, nessuno di noi sognerebbe di ordinare un piatto del genere al ristorante ma di fatto nell’intestino dei pesci si accumulano minuscoli frammento di plastica.

Il 35% dei pesci e degli invertebrati raccolti nel Mar Tirreno centrale, durante il tour “MAY DAY SOS Plastica” condotto nella primavera dello scorso anno, aveva ingerito fibre tessili e microplastiche di dimensioni inferiori ai 5 millimetri.

microplastiche cetacei

©Greenpeace

La ricerca è stata condotta da Greenpeace in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche (UNIVPM) e l’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino (IAS) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Genova.

“I risultati confermano ancora una volta che l’ingestione di microplastiche da parte degli organismi marini è un fenomeno diffuso e sottolineano la rilevanza ambientale di questa contaminazione. La frequenza di ingestione maggiore in organismi che vivono a stretto contatto con i fondali conferma come i sedimenti possano rappresentare un comparto importante di accumulo della plastica e microplastica immessa in mare” ha detto Stefania Gorbi, docente di Biologia Applicata alla Università Politecnica delle Marche.

microplastiche cetacei

©Greenpeace

Il triste record del Santuario dei Cetacei

A stupire ancora di più i ricercatori è stato il fatto che a mangiare le plastiche erano soprattutto le specie provenienti dalle isole dell’Arcipelago Toscano, nell’area del Santuario dei Cetacei.

Sono stati esaminati in laboratorio oltre 300 organismi rappresentativi di diverse specie di pesci e invertebrati consumati abitualmente dagli italiani come cozze, scampi, scorfani, acciughe e sgombri. E purtroppo la situazione peggiora di anno in anno. Basti pensare che nel 2017 la percentuale di creature marine che ingeriva microplastiche era pari al 30% mentre lo stesso anno nel Mar Adriatico era del 27%.

Ma i numeri salivano drasticamente fino al 75% nei campioni raccolti dalle isole dell’Arcipelago toscano, nell’ordine Giglio, Elba e Capraia, mentre le frequenze più basse sono state riscontrate nei campioni raccolti in Sardegna e limitrofe al porto di Olbia.

L’analisi di pesci, rappresentativi di diversi habitat, ha permesso di scoprire che le specie demersali ad esempio la gallinella, lo scorfano, il pagello fragolino e la razza, che hanno una stretta relazione con l’ambiente di fondo dove si alimentano, hanno le frequenze di ingestione di microplastiche maggiori (75-100 per cento) rispetto alle specie pelagiche, in quasi tutti i siti oggetto di studio.

“I dati diffusi oggi confermano la presenza di microplastiche in specie marine che consumiamo quotidianamente. Il Santuario dei Cetacei è interessato da questa minaccia, in misura anche maggiore di altre aree campionate. D’altronde, a distanza di cinque anni, decine di tonnellate di rifiuti in plastica si trovano ancora su questi fondali. Il rischio è che le balle si deteriorino, trasformandosi in microplastiche e aggravando la contaminazione.  Bisogna intervenire subito per rimuoverle”  è stato l’appello di Greenpeace.

Qui la versione integrale del rapporto

Fonti di riferimento: Greenpeace

LEGGI anche:

Il 60% di sardine e acciughe del Mediterraneo occidentale ha microplastiche nello stomaco. Il nuovo studio

Microplastiche in frutta e verdura: studio italiano per la prima volta scopre quante ne ingeriamo

Microplastiche, antibiotici e creme solari: il 60% di fiumi e laghi italiani è chimicamente inquinato

Nel Tirreno record di microplastiche: è il più alto livello mai registrato al mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook