Microplastiche: ne ingeriamo una quantità che pesa come una carta di credito ogni settimana

carta di credito microplastiche

Una persona, in media, potrebbe ingerire circa 5 grammi di plastica ogni settimana, ovvero il peso equivalente a quello di una carta di credito. Questo è in pratica il quantitativo di particelle di plastica che finisce nel nostro corpo tramite l’alimentazione, secondo uno studio realizzato dall’Università australiana di Newcastle commissionato da WWF International.

È loro, infatti, l’analisi No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People, che suggerisce che le persone consumano circa 2000 piccoli pezzi di plastica in una settimana. Nel totale, si tratta più o meno di 21 grammi al mese, poco più di 250 grammi in un anno.

Per svolgere questo importante studio, l’Università di Newcastle ha per la prima volta combinato i dati di oltre 50 indagini sull’ingestione di microplastiche da parte delle persone. In particolare, lo studio rivela che il consumo di cibo e bevande comuni può comportare un’ingestione settimanale di circa 5 grammi di plastica, a seconda delle abitudini di consumo.

Su un totale di 52 studi presi in considerazione dai ricercatori di Newcastle, 33 hanno esaminato il consumo di plastica attraverso il cibo e bevande e hanno evidenziato un elenco di alimenti e bevande comuni contenenti microplastiche, come l’acqua potabile (attenzione: sia acqua di rubinetto che acqua in bottiglia!), la birra, i crostacei e il sale.

analisi wwf microplastiche

“Queste scoperte devono servire come sveglia per i governi. Non solo le materie plastiche inquinano i nostri oceani e corsi d’acqua e uccidono la vita marina, ma sono anche all’interno del nostro copro e non possiamo sfuggire a un loro consumo. L’azione globale è urgente ed essenziale per affrontare questa crisi”, ha dichiarato Marco Lambertini, Direttore generale del WWF International.

Insomma, se da un lato la ricerca sta studiando i potenziali effetti negativi della plastica sulla salute umana, è più o meno chiaro a tutti che questo è un problema mondiale che può essere risolto solo affrontando la causa principale dell’inquinamento plastico. Se non vogliamo la plastica nei nostri corpi, dobbiamo fermare i milioni di tonnellate di plastica che continuano a filtrare nella natura ogni anno.

La petizione

No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People vuole fare proprio questo: chiedere ai governi di svolgere un ruolo chiave nell’assicurare che l’intera catena del sistema plastico, dai produttori ai consumatori, sia ritenuta responsabile dell’obiettivo comune di porre fine all’inquinamento plastico.

Per questo motivo, il WWF lancia una petizione globale per richiedere un trattato legalmente vincolante sull’inquinamento delle materie plastiche marine che ha già raccolto oltre 500mila firme. Scopo del trattato è stabilire obiettivi nazionali e meccanismi di segnalazione trasparenti che si estendano alle imprese. Inoltre, il trattato dovrebbe fornire un supporto finanziario e tecnico ai paesi a basso reddito per aumentare la capacità di gestione dei rifiuti.

“Mentre la consapevolezza dell’esistenza delle microplastiche e del loro impatto sull’ambiente è in aumento, questo studio ha contribuito a fornire un calcolo accurato dei tassi di ingestione per la prima volta. Lo sviluppo di un metodo per trasformare i conteggi di particelle microplastiche in masse contribuirà a determinare i potenziali rischi tossicologici per gli esseri umani”, commenta Thava Palanisami, co-autore del progetto e ricercatrice di microplastiche all’Università di Newcastle.

L’ingestione è solo la punta dell’iceberg di una crisi ben più ampia. L’inquinamento plastico è una grave minaccia per la fauna selvatica, sia attraverso la stessa ingestione di microparticelle, sia attraverso la distruzione dell’habitat. È decisamente ora di cambiare rotta.

Leggi anche:

Il Canada vieta la plastica monouso!
Microplastiche, è allarme! Tutti i pesci del lago di Lugano ne sono pieni
La microplastica è ormai veramente ovunque: nuovi studi rivelano la terribile contaminazione

Germana Carillo

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Caffè Vergnano

Il caffè è più buono se riduce scarti e rifiuti puntando sulle tre R

tuvali
seguici su Facebook