Clima: è il settembre più caldo degli ultimi 150 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sebbene siamo ormai alla fine del mese di settembre, da nord a sud, le temperature dello stivale non accennano a diminuire, specie nelle regioni settentrionali, dove in questi giorni si sta registrando un caldo record, con valori ben sopra la media stagionale.

Non a caso, è il settembre più caldo degli ultimi 150 anni, con temperature spesso addirittura più elevate di quelle registrate nei mesi estivi: punte di 30 gradi e una media mensile di 26.

Segno evidente che l’estate non vuol proprio lasciare spazio all’autunno.
A Torino, settembre è stato il mese più caldo dal 1753 (quindi da 258 anni), periodo in cui sono cominciate le misure meteorologiche nella città. E c’è di più: le piogge e il primo freddo arriveranno solo dopo il 10 ottobre.
Situazioni che normalmente si registrano unicamente (e non sempre) nelle regioni meridionali.

Più in generale, nelle zone del centro-nord, le temperature stanno evidenziando i valori normalmente registrati nel mese di agosto: fino 29-30°C.
Per assurdo, il sud è la zona d’Italia che evidenzia temperature più basse (ma solo di pochi gradi), per via delle correnti di Grecale.

Insomma, prima di vedere la pioggia o un ridimensionamento dei valori bisognerà aspettare la seconda settimana di ottobre, mentre – stando al parere degli esperti – a novembre si registrerà il boom di piogge.

Ma come mai questo cambiamento climatico così evidente?
La causa è nel progressivo aumento delle temperature generali che, negli ultimi anni, si stanno verificando un po’ in tutta Europa.

Come abbiamo già spiegato qualche giorno fa, secondo i ricercatori dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr) di Bologna i picchi di caldo dipenderebbero da uno spostamento delle temperature giornaliere verso valori più elevati.
No si tratta di picchi di caldo casuali quindi, ma di valori in progressivo e costante aumento. Tutto ciò però si ripercuote sull’agricoltura e sulle coltivazioni.

“Per salvare le piante da frutta dallo stress provocato dal caldo torrido e dall’assenza di pioggia al nord è stato necessario ricorrere straordinariamente all’irrigazione di soccorso per kiwi, mele e pere in un mese in cui normalmente l’acqua è garantita dal cielo” – denuncia la Coldiretti “In molte aree – sottolinea la Coldiretti – è stato necessario allungare il periodo di irrigazione per non perdere le colture in un autunno del tutto anomalo dal punto di vista meteorologico che sta mettendo a rischio le produzioni abituali di stagione. La necessità di una operazione di irrigazione del tutto straordinaria – conclude la Coldiretti – comporta un aggravio di costi per gli agricoltori in una situazione già difficile .dal punto di vista economico“.

 

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook