I materiali fabbricati dall’uomo ora superano l’intera biomassa della Terra. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Riuscite ad immaginare quanta possa essere la massa di materia vivente presente sul nostro pianeta? Probabilmente è difficile, considerando le dimensioni della Terra. Pensate però che ora la produzione di materiali fabbricati dall’uomo, ovvero cemento, metallo, plastica, mattoni e asfalto è pari (ma sta per superare) la biomassa naturale del nostro pianeta.

A sostenerlo è uno studio condotto da un team del Weizmann Institute of Science a Rehovot (Israele) e guidato da Ron Milo,  che mostra come l’attività umana, in particolare la produzione di cemento, metallo, plastica, mattoni e asfalto, abbia portato il mondo a un punto cruciale in cui la massa prodotta dall’uomo, guidata principalmente da un maggiore consumo e sviluppo urbano, sta per superare la biomassa vivente complessiva sulla Terra.

In pratica, la massa di tutto ciò che le persone hanno costruito e realizzato, dai marciapiedi di cemento ai grattacieli di vetro, dal metallo alle bottiglie di plastica, vestiti e computer, è ora più o meno uguale alla massa degli esseri viventi sulla Terra ma potrebbe superarla già entro la fine di quest’anno.

Per arrivare ad affermare ciò i ricercatori hanno esaminato i cambiamenti nella biomassa globale e nella massa prodotta dall’uomo dal 1900 ad oggi, calcolando le stime del peso a secco, esclusa l’acqua.

Per il prodotto dell’attività umana si è considerata la massa incorporata in oggetti solidi (rifiuti esclusi). Le categorie dominanti nell’analisi erano le masse artificiali sotto forma di edifici e infrastrutture, composte da calcestruzzo, aggregati, mattoni e asfalto. Per quanto riguarda la biomassa globale, invece, la maggior parte è rappresentata da piante e arbusti.

All’inizio del XX secolo, la massa di oggetti prodotti dall’uomo era pari a circa il 3% della biomassa totale del pianeta. Ma nel 2020, la massa creata dall’attività umana ha raggiunto circa 1,1 teratonnellate.

La quantità di plastica, da sola, è maggiore della massa di tutti gli animali terrestri e le creature marine messe insieme. Sono questi i risultati sconvolgenti dello studio pubblicato su Nature.

L’aumento della massa prodotta dall’uomo ha, inevitabilmente, anche un impatto sulla biomassa vegetale:

“Dalla prima rivoluzione agricola, l’umanità ha più o meno dimezzato la massa delle piante. Mentre l’agricoltura moderna utilizza una superficie crescente per la coltivazione dei raccolti, la massa totale delle colture domestiche è ampiamente controbilanciata dalla perdita di massa vegetale derivante dalla deforestazione, dalla gestione delle foreste e da altri cambiamenti nell’uso del suolo. Queste tendenze nella biomassa globale hanno influenzato il ciclo del carbonio e la salute umana”.

E tutti in qualche modo contribuiamo in quanto, in media, ogni persona al mondo è responsabile della creazione di materia artificiale pari a più del proprio peso corporeo ogni settimana.

Questo genere di “impronta” dell’uomo sul pianeta è aumentata rapidamente dall’inizio del XX secolo, raddoppiando ogni 20 anni.

Dal 1900 la biomassa complessiva è leggermente diminuita, mentre la massa prodotta dalle attività umane è aumentata rapidamente fino a raggiungere un tasso di produzione di oltre 30 gigatonnellate (30.000.000.000 di tonnellate) all’anno. Se si continua di questo passo, il peso del nostro impatto supererà le 3 teratonnellate entro il 2040.

I ricercatori sostengono quindi la proposta di nominare l’epoca che stiamo vivendo come Antropocene, dato che le principali modifiche territoriali, strutturali e climatiche sono attualmente opera dell’uomo.

“La faccia della Terra nel XXI° secolo è influenzata in modo senza precedenti dalle attività dell’umanità e dalla produzione e accumulazione di oggetti di fabbricazione umana”, affermano i ricercatori.

C’è sempre più disequilibrio tra natura e uomo e tale situazione non può essere in nessun caso una buona notizia. Non è difficile immaginare perché il clima sia alterato e tantissime specie sono sull’orlo dell’estinzione.

Fonti: The Guardian / National Geographic / Nature

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook