Marea nera nel Michigan: una nuova catastrofe petrolifera minaccia gli USA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arriva la minaccia di una nuova marea nera e di un altro negli Stati Uniti. A causa della rottura di un oleodotto della compagnia canadese Enbridge, sono fuoriusciti circa 4 milioni di litri di petrolio che si sono riversati nelle acque del fiume Talmadge, un affluente del Kalamazoo diretto verso il lago Michigan, dove rischiano di finire i litri di greggio fuorusciti.

L’EPA (l’Environment Protection Agency), ovvero l’agenzia americana per la protezione ambientale, ha già fatto scattare lo stato d’allerta in tutta la zona onde evitare una nuova marea nera a stelle e strisce – proprio ora che la situazione nel Golfo del Messico sembrava migliorare – ma questa volta in un lago.
Il Michigan è infatti uno dei bacini lacustri più grandi e famosi degli Stati Uniti e oggi rischia di essere invaso da una quantità insostenibile di petrolio.

La situazione – la più grave mai avvenuta nel Midwest degli Stati Uniti – sta infatti destando forti preoccupazioni, perché il greggio finito nel fiume e poi nel lago rischia di contaminare sorgenti d’acqua di vitale importanza.

marea_nera_lago_michigan

Sarebbe una tragedia di proporzioni storiche se questo petrolio raggiungesse il Lago Michigan“ – ha fatto sapere Jennifer M. Granholm, governatrice dello stato, che lanciato l’allarme nella zona.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook