Marea nera Golfo Asinara: la Prestigiacomo riferirà alle camere, ma il presidente della provincia chiede lo stato d’emergenza nazionale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La continua ad estendersi e a danneggiare nuovi tratti di mare e di spiaggia, ma a quanto pare i tg e le grandi testate giornalistiche sono molto più interessate a parlare del caso Ruby e a far passare i disastri ambientali italiani in secondo piano.
Per fortuna però – si fa per dire – i cittadini, gli ambientalisti e gli amministratori locali – indignati di fronte a questo silenzio – hanno iniziato a muoversi sulla rete, inviando e postando foto molto chiare sul disastro che si sta consumando in Sardegna.

Così – grazie ai movimenti in rete e ad alcune realtà editoriali online – si è acceso un piccolo riflettore sulla marea nera di Porto Torres: la notizia è rimbalzata online grazie ai freelance e a giornalisti amatoriali, è arrivata alle agenzie di stampa ed è finita sui banchi dei parlamentari, che hanno chiesto al ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, di riferire in commissione ambiente per spiegare come intende ripulire e salvaguardare le spiagge sarde dall’estendersi della marea.

L’appuntamento è fissato per dopodomani, mercoledì 26 gennaio, a due settimane esatte dal giorno in cui è avvenuta la perdita di olio, che dal Golfo dell’Asinara (dove c’è il “santuario dei cetacei” abitato da animali in via di estinzione e un Parco Nazionale nelle vicinanze) stanno arrivando fino in Gallura. Sono 15mila i litri di olio combustibile finiti in mare che, galleggiando, si stanno spostando verso est e nelle ultime quarantotto ore hanno raggiunto le coste da Santa Reparata alla penisola di Capo Testa e ora minacciano di contaminare l’arcipelago della Maddalena.

Di fronte a questo pericolo, l’onorevole Mauro Pili, del PDL, ha chiesto al ministro Prestigiacomo di riferire alle camere e di attivarsi immediatamente per mettere in campo tutte le iniziative necessarie a bonificare le spiagge e spinge affinché lo Stato si costituisca parte civile per risarcire gli enti locali danneggiati dal disastro che ha toccato le coste sarde.

Intanto – vista la gravità e l’estensione delle aree naturali minacciate dalla marea nera – Fedele Sanciu, presidente della Provincia di Olbia-Tempio, ha chiesto al ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, di dichiarare lo stato di emergenza nazionale.

Verdiana Amorosi

Foto: Ermelinda Manfredi

Leggi tutti i nostri articoli sulla marea nera di Porto Torres

Vai al gruppo Disastro ambientale a Porto Torres e Platamona: vogliamo risposte!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook