Mare fluorescente a Bari: scoperti sversamenti illeciti. Sequestrato il cantiere del teatro Kursaal

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scarichi di fango illeciti, due in meno di venti giorni, che hanno colorato il mare di Bari di un intenso verde fluo. Ad accorgersene è stata la guardia costiera in seguito alle segnalazioni di alcuni cittadini in due precisi episodi: il primo il 3 gennaio e il secondo il 20.

Con rilevamenti effettuati con diclorofluorescina, una sostanza fluorescente immessa nelle tubature che serve ad identificare l’origine degli sversamenti, si è accertato si trattasse di fanghi che, invece di essere smaltiti come rifiuti speciali, sono stati immessi nella condotta delle acque bianche e da lì sono finiti in mare.

Dalle indagini è emerso che a causare questo vero e proprio disastro sia stata la stazione appaltante del rifacimento del teatro Kursaal Santa Lucia. Si tratta del cantiere per il restauro da 5 milioni di euro dello storico teatro che si affaccia sul lungomare.

La capitaneria ha elevato apposito verbale, chiedendo la sospensione dei lavori per la sola area interessata, e ponendo la medesima a sequestro, chiedendo altresì all’impresa appaltatrice di effettuare opere di mitigazione in ordine alla successiva prosecuzione delle attività. Della cosa sono stati tempestivamente informati il direttore lavori, il Rup ed i competenti uffici regionali, che a riguardo hanno convocato l’appaltatore, per disporre la sospensione dei lavori dell’area interessata e per porre in essere le misure del caso. Allo stato l’appaltatore è prontamente intervenuto per evitare che l’accaduto possa verificarsi nuovamente, e sono in corso di valutazione misure di mitigazione definitive per la successiva ripresa dei lavori. L’accaduto, del tutto accidentale, riguarda lo sversamento di acqua di falda salinizzata e fanghiglia originata durante le operazioni di scavo in presenza di falda affiorante. Dagli esami effettuati in estemporanea è da escludere la contaminazione di sostanze inquinanti pericolose”,

scrive la Regione Puglia in una nota.

Nei fatti, dalle indagini della Guardia Costiera è emersa la presenza di un tombino d’ispezione all’interno del cantiere, nel quale c’erano due condutture a cielo aperto, in una delle vi era fanghiglia uguale a quella riversata in mare a circa 20 metri di distanza. Dalle ispezioni è stato accertato che nel cantiere confluivano fanghi e percolato che tracimavano dal cassone di raccolta e si riversavano, vista la pendenza del piazzale, nelle condutture sottostanti.

Per ora, dunque, sono stati sequestrati e affidati in custodia giudiziale il tombino di accesso alla sottostante conduttura di acque bianche; il cassone di raccolta di rifiuti speciali contenente circa 3 tonnellate di rifiuti speciali  e 3 vasche nell’edificio di Largo Adua (vecchio sottopalco del teatro Kursaal), da dove proviene il materiale dei lavori di demolizione ed escavazione in corso.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook