©Ingv,

Terremoto di magnitudo 3.6 nelle Marche in piena Fase 2, paura nelle zone distrutte dal sisma del 2016

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita alle 4 circa di questa mattina in alcune località delle province meridionali delle Marche.

Secondo l’Ingv, si è trattato di una scossa di magnitudo 3.6 con epicentro a 11 km di profondità a 4 km a ovest di Amandola, nella provincia di Fermo, una delle località danneggiate dal sisma del 2016.

Il movimento sismico è stato avvertito nitidamente anche  nella provincia di Ascoli.

Ricordiamo che gli eventi sismici del Centro Italia del 2016, definiti dall’INGV sequenza sismica Amatrice-Norcia-Visso, hanno avuto inizio ad agosto 2016 con epicentri situati proprio tra l’alta valle del Tronto, i Monti Sibillini, i Monti della Laga e i Monti dell’Alto Aterno.

La sequenza sismica che per mesi ha squassato il centro Italia è iniziata alle 3,36 del 24 agosto 2016, con una scossa di magnitudo 6 che ha avuto l’epicentro tra Accumoli e Arquata. Quella notte sono morte 51 persone nell’Ascolano e 299 in tutta l’area colpita.

Amandola è da allora una città stremata, ferita già dal crollo del campanile della Chiesa di San Francesco, con le vie del centro storico oche furono invase da mattoni e calcinacci.

Intanto nelle alte Marche, è appena finito il quarto inverno da baraccati, con gli abitanti che hanno fatto la loro quarantena nelle casette prefabbricate. Isolamento sopra isolamento.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook