L’inquinamento da plastica del mondo è ormai quasi irreversibile, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo uno studio condotto dall’Università di Stoccolma e dall’Istituto Geotermico Norvegese, l’inquinamento da plastica è vicino al raggiungimento del punto di non ritorno.

L’inquinamento da plastica è una minaccia globale sempre più incalzante: si trova ovunque – dai deserti alle vette montuose alle profondità oceaniche – e l’attuale velocità nell’immissione di questo materiale nell’ambiente potrebbe provocare effetti che non saremo più in grado di controllare e arginare. È quanto emerge da uno studio europeo condotto dai ricercatori dell’Università di Stoccolma:

La plastica è profondamente radicata nella nostra società e rappresenta un problema ormai ovunque, anche in quei paesi dotati di buoni impianti di stoccaggio e smaltimento dei rifiuti – afferma il professor Matthew MacLeod, autore dello studio. – I livelli di plastica nel mondo stanno aumentando sempre più, anche se la consapevolezza in merito all’inquinamento provocato da questo materiale si è accresciuto sensibilmente negli ultimi anni. Ora la plastica non è più solo una minaccia ambientale, ma anche e soprattutto politica ed economica: le misure finora messe in atto per contrastarla, come le tecnologie di riciclo e smaltimento, non sono più sufficienti se non si estirpa il problema alla radice.

La plastica si accumula nell’ambiente perché non in grado di decomporsi in tempi brevi: i processi di degradazione sono molto lenti e non efficaci nell’arginare l’accumulazione di questo materiale, che continua ad aumentare nell’ambiente. Paradossalmente, sono gli ambienti più remoti del pianeta ad essere maggiormente minacciati dall’invasione della plastica: lì i rifiuti plastici non possono essere raccolti e smaltiti dall’uomo e quindi si disperdono nell’ambiente in un numero enorme di micro- e nanoplastiche. Gli effetti di questo inquinamento non sono ancora del tutto prevedibili.

Il mondo occidentale promuove soluzioni tecnologiche per riciclare e rimuovere la plastica dall’ambiente, ma non basta – denuncia Mine Tekman, che ha partecipato allo studio. – Noi consumatori crediamo che basti separare la plastica dal resto dei rifiuti per fare in modo che questa venga magicamente riciclata. È invece, il riciclo della plastica ha molte limitazioni, e i paesi ricchi del mondo si liberano del problema esportando i loro rifiuti plastici in paesi più poveri. Ridurre le emissioni plastiche richiede azioni drastiche, come bloccare la produzione plastica vergine direttamente dal petrolio e migliorare il valore della plastica riciclata. Ma, soprattutto, bloccare l’esportazione dei rifiuti plastici a meno che non si tratti di un paese dotato di infrastrutture adeguate al riciclo.

Fonte: Science Magazine

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook