Leroy Merlin, Castorama e Mr Bricolage: le catene del fai-da-te europee che vendevano legname illegale proveniente dalle foreste russe

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono quasi 100mila le tonnellate di legname tagliato illegalmente nella Taiga russa e finite nei principali negozi di bricolage europei. Un vero e proprio mercato sommerso nonostante il divieto dell’Unione Europea di importare legname da “fonti sospette”. Un divieto che risale al 2013 e che impone agli importatori di effettuare controlli. Tra le grandi catene del fai-da-te compaiono anche Leroy Marlin e Castorama.

A dirlo è un rapporto dal titolo “Taiga King” della ONG Earthsight – riportato dal quotidiano inglese The Guardian – che ribadisce come si tratti di legno prelevato illegalmente dalla regione della Taiga dell’estremo oriente della Russia, dove la corruzione sta contribuendo alla rapida distruzione delle foreste vergini e dove hanno praticamente casa orsi, lupi, linci e tigri già in via di estinzione.

Leggi anche: Deforestazione: lo scandalo dell’importazione di legno illegale dall’Amazzonia in Europa e in Italia

Un vero e proprio disastro, se si considera che a tutto ciò si aggiungono i devastanti incendi degli ultimi mesi. Ogni anno nella Taiga si verificano incendi e quest’anno la situazione è stata davvero drammatica e senza precedenti.

Il rapporto Taiga King

Si presume che più di 100.000 tonnellate di legname siano entrate in Germania, Francia e altri paesi dell’Unione europea come parte di uno dei più grandi scandali illegali di legname della Russia. L’attività è a sua volta collegata a due società registrate nel Regno Unito.

È la regione di Khabarovsk Krai presumibilmente dietro gran parte di questo commercio illegale. E sarebbe l’azienda BM Group la principale colpevole che adesso, però, nega ogni illecito. Eppure, il suo presidente, Alexander Pudovkin, è stato arrestato lo scorso anno ed è indagato insieme a due funzionari governativi, accusati di abuso d’ufficio.

Come scrive il Guardian, secondo i pubblici ministeri russi, Pudovkin avrebbe ammesso di aver pagato tangenti in cambio di sontosi sussidi statali e concessioni forestali e i contratti sono stati dati a Pudovkin senza gara d’appalto “con fondi statali consegnati per una segheria che non è mai stata costruita”. I pubblici ministeri affermano anche che la sua affiliata Asia Les avrebbe registrato illegalmente 600mila metri cubi di legno e che le licenze per il disboscamento sono state ottenute tramite corruzione e frode. La maggior parte del legno di Asia Les è finita in Cina. Ma il larice è stato spedito anche in Europa, dove è stato venduto per rivestimenti domestici e per costruire yacht. Il legno sarebbe stato spedito da San Pietroburgo al porto tedesco di Kiel e da lì ai negozi di bricolage in tutto il continente.

legno russo

©Earthsight

Come si legge nel rapporto, il più grande cliente francese di BM, ISB France, fa parte del Gruppo ISB, un fornitore di legname segato e pannelli di legno a grossisti industriali e negozi di ferramenta come Mr Bricolage e Castorama. Il suo rivestimento in larice è in vendita nelle filiali di Leroy Merlin, una delle più grandi catene di vendita al dettaglio di fai da te in Europa con oltre 400 negozi in tutto il continente.

Cosa dice il gruppo BM

Il gruppo BM ha affermato di avere “contratti di locazione forestali validi” e respinge di fatto il rapporto di Earthsight definendolo “parziale” e “errato”. Dopo lo scandalo già scoppiato nel 2019, il rapporto afferma che molti importatori europei hanno continuato ad acquistare legname sospetto. Alcuni hanno persino aumentato i loro ordini. Il larice sarebbe finito in vendita presso i negozi di bricolage francesi e in una grande catena tedesca, ma rimane molto probabile che sia arrivato anche nel Regno Unito.

L’appello di Earthsight

I risultati di Earthsight seguono un’indagine precedente che ha rivelato che il legno illegale proveniente dall’Ucraina era in vendita nelle filiali Ikea in Europa e arrivano alla conclusione che le autorità responsabili dell’applicazione del diritto dell’Ue non hanno affrontato il problema. I legislatori dell’UE stanno discutendo regole più rigide per affrontare il ruolo dell’Europa nel guidare la deforestazione globale attraverso il suo consumo di legno e altri “prodotti a rischio forestale” come carne di manzo e soia.

I governi devono agire con urgenza per impedirlo, sia approvando nuove leggi che applicando meglio quelle esistenti. Devono fermarsi”, conclude il direttore di Earthsight, Sam Lawson.

Fonte: Taiga King / The Guardian

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook