Legge “Scempia coste” della Sardegna impugnata dal Governo: è incostituzionale e va fermata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il governo ha deciso di impugnare la legge 21/2020 varata dalla giunta regionale sarda lo scorso gennaio, nota come “Scempia coste” o “legge del cemento”.

La nuova legge elimina di fatto i vincoli sulla fascia costiera fino a 300 metri dal mare, fino a oggi considerata intoccabile, conferendo il potere esclusivo alla Regione di decidere sui beni identitari e agricoli.

Una normativa che, oltre a scardinare il Piano Paesaggistico Regionale vigente, secondo il governo sarebbe incostituzionale.

La Costituzione italiana, infatti, riserva al potere centrale la tutela dell’ambiente e del paesaggio: la legge “Scempia coste” sarda violerebbe gli articoli 9, 97 e 117 della nostra Carta e per questo sarà impugnata dal governo davanti alla Corte Costituzionale.

“Grazie alla petizione promossa dal Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus, e sostenuta da tutte le associazioni ecologiste, sono state raccolte più di 35mila firme che dimostrano quanto la popolazione sarda voglia difendere le coste da una norma pericolosa per il nostro territorio. Noi siamo con loro e lavoriamo per dargli voce quotidianamente”, il commento di Antonio Piu, consigliere del Gruppo Progressisti e membro della commissione urbanistica.

Fonti di riferimento: Il Fatto Quotidiano/Sardegna Live, Presidenza del Consiglio dei Ministri

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook