@ RÜŞTÜ BOZKUŞ/pixabay.com

Legge sul clima: c’è l’accordo. Meno 55% di emissioni entro il 2030 in Europa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I negoziatori del Consiglio Europeo e del Parlamento Europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sul clima, anche in vista del vicinissimo incontro con Joe Biden. Si punta alla neutralità climatica entro il 2050.

Parlamento Europeo e Consiglio Europeo hanno trovato finalmente un’intesa – seppur provvisoria – sulla nuova Legge sul clima. L’obiettivo per ora concordato è quello di ridurre l’emissione dei gas serra attraverso degli step concreti entro limiti temporali ben precisi. Si pensa a ridurre le emissioni di almeno il 55% all’interno dell’UE rispetto ai valori del 1990, grazie anche all’introduzione di un limite di 225 Mt di CO2 (equivalente al contributo delle rimozioni all’obiettivo netto), e di raggiungere un volume maggiore di assorbimento netto di carbonio entro il 2030. Inoltre, si punta a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Con questo accordo appena raggiunto, l’Unione Europea potrà mettere più carte al tavolo delle trattative durante il prossimo vertice sul clima convocato per domani (Giornata Mondiale della Terra) dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Siamo molto soddisfatti dell’accordo provvisorio raggiunto. La legge europea sul clima è ‘la legge delle leggi’ che definisce il quadro per la legislazione dell’UE sul clima per i prossimi 30 anni” ha affermato Joao Pedro Matos Fernandes, ministro portoghese per l’Ambiente.

Dalla conferenza stampa della Commissione Europea sul Clima (Credit: Twitter)

Anche la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha commentato positivamente il traguardo tagliato oggi. “Sono lieta di aver raggiunto un accordo su questo elemento centrale del Green Deal europeo. Il nostro impegno politico per diventare il primo continente climaticamente neutro entro il 2050 è ora anche un impegno legale. La legge sul clima mette l’Ue su un percorso verde per una generazione. È il nostro impegno vincolante per i nostri figli e nipoti.

L’accordo include anche l’istituzione di un Comitato consultivo scientifico europeo sui cambiamenti climatici con 15 esperti provenienti dai diversi paesi UE (non più di due per ogni paese) che avranno un mandato di quattro anni. A loro il compito di fornire consulenza scientifica e relazioni sulle misure dell’Ue, gli obiettivi climatici e i bilanci indicativi dei gas a effetto serra e la loro coerenza con la legge europea sul clima e gli impegni internazionali dell’Ue ai sensi dell’accordo di Parigi.

Fonte: PortugalEU / Press Conference European Parliament

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
eBay

Dall’iPhone al Samsung, i migliori smartphone da acquistare ricondizionati

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook