La Protezione Civile sul pellet radioattivo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scoperto a Bologna altro pellet contaminato da Cesio 137, e perciò radioattivo, dopo quello già sequestrato in Valle d’Aosta ed in altre dieci regioni, per un totale al momento di 29 province. La Protezione civile della Valle d’Aosta, ma, crediamo sia opportuno seguire queste procedure anche le altre regioni, consiglia a tutta la popolazione di non utilizzare il combustibile della marca Natur Kraft e di contattare 115 o 113 (Vigili del Fuoco o Questura) per provvedere al corretto smaltimento.

Sempre dalle note ufficiali si assicura che il prodotto in questione non è dannoso per l’uomo, ma anche che i reali pericoli si stanno accertando. I risultati dei test di laboratorio dovrebbero essere pronti e diffusi già da oggi, da parte dell’Arpa – Valle d’Aosta.

Ricordiamo che il pellet contaminato da Cesio 137, fa parte di una partita di 10.000 tonnellate proveniente dalla Lituania, non tutta contaminata, ma anche che la radioattività riscontrata è di cinque volte superiore alla tollerabilità. È opportuno quindi seguire con accortezza le indicazioni ufficiali.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook