Colosso minerario citato in giudizio per presunto avvelenamento di massa di bambini in Zambia a causa del piombo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La città dello Zambia di Kabwe ha ospitato per decenni una delle più grandi miniere di piombo del mondo e gli scienziati ne hanno rintracciato livelli “allarmanti” nel sangue delle persone. Qui i bambini continuano a morire ma adesso il colosso minerario Anglo American è stato citato in giudizio da un gruppo di donne e giovani dello Zambia che sostengono che la compagnia sia responsabile di un diffuso avvelenamento da piombo legato a una miniera di sua proprietà fino al 1974.

La causa collettiva, presentata oggi all’Alta Corte del Sud Africa dagli studi legali Mbuyisa Moleele e Leigh Day, chiede un risarcimento per circa 100.000 persone e la bonifica dell’area.

Kabwe è considerata da molti la città più tossica del mondo. Qui secondo gli avvocati, la controllata sudafricana di Anglo American è responsabile dell’inquinamento visto che è stata in possesso della miniera dal 1925 al 1974. Le operazioni si sono concluse nel 1994, ma la produzione durante la proprietà di Anglo ha rappresentato circa i due terzi del piombo che ora contamina l’area, secondo i legali.

Piombo che avrebbe avvelenato migliaia di persone. Da qui la decisione degli abitanti di intenare causa al colosso minerario, accusandolo di essere averli avvelenati. La domanda è stata presentata da 13 attori rappresentativi per conto di minori di 18 anni e ragazze e donne. In particolare, secondo i legali, ci sarebbe un grave abuso dei diritti umani da parte delle imprese con conseguente avvelenamento da piombo multigenerazionale di bambini e donne di Kabwe. Per questo, hanno chiesto un risarcimento finanziario, lo screening medico di bambini e donne incinte e la bonifica dei terreni inquinati.

“I ricorrenti – principalmente bambini piccoli – soffrono di livelli allarmanti di avvelenamento da piombo che, a seconda di vari fattori tra cui il livello di piombo nel sangue (“BLL”), causano una serie di condizioni significative, da danni psicologici e comportamentali a gravi e permanenti danni fisici agli organi, al sistema nervoso e alla fertilità. In casi estremi, si verificano gravi danni cerebrali e decessi. Nelle donne in gravidanza, il piombo viene assorbito nelle ossa e rilasciato durante la gravidanza. È noto che il piombo attraversa la placenta, con il risultato che il nascituro è soggetto alla stessa concentrazione di piombo della madre. Non solo la salute del bambino può essere danneggiata, il piombo fa sì che le donne in gravidanza abbiano un rischio più elevato di preeclampsia; ipertensione gestazionale e aborto spontaneo” spiegano gli avvocati.

Le accuse sono precise e riguardano il presunto avvelenamento di generazioni di bambini a causa dalle operazioni della miniera di Kabwe, originariamente conosciuta come Broken Hill, che ha causato una diffusa contaminazione del suolo, dell’acqua e della vegetazione. I livelli di piomno nella stragrande maggioranza dei bambini superavano il limite di 5 microgrammi per decilitro stabilito dal Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti.

Richard Meeran, partner e capo del dipartimento internazionale di Leigh Day, ha detto:“

“Dagli anni ’50, Anglo American si è impegnata pubblicamente a dare un contributo duraturo alle comunità in cui operava. La sua attuale politica sui diritti umani è di contribuire alla riparazione quando la sua attività ha contribuito a impatti negativi sui diritti umani. Questo disastro sanitario pubblico in corso è il risultato di un flagrante disprezzo per la salute della comunità locale, che è totalmente in contrasto con quelle grandi dichiarazioni pubbliche “.

“Studi medici condotti negli ultimi 45 anni hanno costantemente mostrato livelli massicci di piombo in una percentuale significativa di bambini piccoli a Kabwe. Generazioni di bambini sono state colpite” si legge sul sito ufficiale.

Non possiamo che augurarci che venga fatta giustizia.

Fonti di riferimento: Leighday,  Cildrenofkabwe

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook