Jova Beach Party, fenicotteri disorientati e smarriti per colpa del concerto al Lido degli Estensi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ancora nella bufera il Jova Beach Party, il mega concertone in spiaggia e (una tappa in montagna) di Jovanotti che da qualche mese, tiene banco tra gli ambientalisti che hanno protestato per quasi tutte le tappe. A rischio secondo gli attivisti non ci sono solo tartarughe e fratini, ma anche i fenicotteri rosa.

Cosa ci fanno i fenicotteri rosa sulle spiagge della Romagna e delle Marche? Molti sono stati avvistati in solitaria che vagavano smarriti. L’ipotesi di Menotti Passarella, icona dell’ornitologia italiana, spiegata a Il Resto del Carlino, è quella che i fenicotteri sarebbero stati disorientati dai decibel del concerto di Jovanotti a Lido degli Estensi. “Anche se provarlo non sarà possibile”, sottolinea l’esperto.

Una lunga intervista in cui si schiera contro il concerto di Jovanotti, Passarella non le manda di certo a dire al cantante toscano che sta per concludere il lungo tour estivo che ha toccato spiagge di nord e sud e Plans de Corones, nei giorni scorsi (contro cui si era già scagliato Messner). Così dopo il rischio di distruzione di nidi di fratini e tartarughe, ecco cosa dice l’ornitologo:

“Sospetto che quei fenicotteri – tutti giovani nati quest’anno, come evidente dal piumaggio – facessero parte di uno stesso gruppo messo in fuga dai decibel sprigionati dal concerto di Jovanotti a Lido degli Estensi. Da queste parti sono soliti spostarsi tra le paludi di Comacchio e il delta del Po. Un tragitto che percorrono abitualmente per andare a nutrirsi nelle ore notturne, quando sono meno disturbati, ma durante il quale, il 20 agosto, possono essere stati assaliti dal rumore proveniente dal concerto”.

Spingendosi oltre, secondo l’ornitologo, avrebbero perso l’orientamento.

“ Una volta in mare avrebbero fatto rotta verso sud, perdendo lungo il percorso gli esemplari più stremati. Non a caso sono arrivati sulle spiagge della costa proprio la mattina del 21 agosto: a Numana, Pesaro, Cesano, Falconara. In Romagna passeggiavano sulle spiagge spaesati. I fenicotteri vivono in gruppi il cui comune denominatore è l’età: per questo non credo all’intossicazione alimentare, che invece avrebbe colpito esemplari anche adulti”.

Secondo Passarella, infine:

“Il fenicottero rosa è molto esigente, più fragile di quanto i numeri raggiunti dalle sue colonie lascino pensare. Ci manca la prova che quei fenicotteri siano stati messi in fuga dal rumore, in quanto nessuno di loro era dotato di anelli di riconoscimento. Una leggerezza non da poco: il territorio del parco del Delta del Po è il loro sito principale qui, e gli studi passano da questi accorgimenti. Il silenzio totale dell’Ente parco delude molto. Per quanto il concerto sia avvenuto fuori dall’area protetta, era evidente a chiunque che le onde sonore sarebbero arrivate anche lì”.

Leggi anche:

Redazione greenMe

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook