Italia “chiusa” per coronavirus e l’inquinamento diminuisce: le immagini dai satelliti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La chiusura dell’Italia per far fronte all’emergenza coronavirus sta imponendo enormi sacrifici a tutti noi ma almeno un aspetto positivo possiamo registralo: l’inquinamento nel nostro Paese si è ridotto in modo significativo.

Lo avevamo già visto in Cina pochi giorni fa, quando i satelliti della NASA e dell’Agenzia spaziale europea (ESA) avevano osservato una netta diminuzione del biossido di azoto in tutto il paese, dopo le varie chiusure di attività e trasporti.

Oggi i satelliti ESA mostrano una situazione simile in Europa e soprattutto in Italia: le emissioni del gas tossico prodotto dai mezzi su strada, centrali elettriche e impianti industriali, sono notevolmente diminuite anche nel nostro Paese e in particolare in Pianura Padana.

L’animazione mostra le fluttuazioni delle emissioni di biossido di azoto in Europa dal 1° gennaio all’11 marzo 2020, giorno in cui è stato imposta la chiusura di buona parte delle imprese locali in tutta Italia. Già dalla fine di febbraio erano però stati messi in quarantena Codogna e diversi comuni del Lodigiano, e fermate parzialmente diverse attività.

“Anche se potrebbero esserci lievi variazioni nei dati a causa della copertura nuvolosa e del cambiamento delle condizioni meteorologiche, siamo molto fiduciosi che la riduzione delle emissioni che possiamo vedere, coincida con il blocco in Italia che causa meno traffico e attività industriali”, ha commentato Claus Zehner, responsabile della missione Copernicus Sentinel-5P dell’ESA.

Probabilmente la qualità dell’aria è destinata a migliorare ancora, in seguito al decreto firmato proprio lo scorso 11 marzo, che ha imposto la chiusura di buona parte delle imprese locali.

Certo non è questa la soluzione per ridurre le nostre emissioni, ma quando l’emergenza coronavirus sarà finalmente superata, potremmo cercare di rivedere il modo in cui produciamo e utilizziamo l’energia, così da mantenere una qualità dell’aria accettabile, che non esponga la popolazione a danni irreversibili per la salute.

Fonte di riferimento: ESA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook