L’innalzamento dei mari cancellerà molte più città di quel che si pensasse: 150 milioni di persone coinvolte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’innalzamento del livello dei mari potrebbe colpire molte più persone rispetto a quanto si pensasse, cancellando alcune delle più grandi città costiere del mondo entro il 2050.

I risultati di una ricerca pubblicata ieri su Nature communications sono preoccupanti e decisamente peggiori rispetto alle previsioni fatte fino a oggi.
Entro i prossimi 30 anni, le terre su cui ora vivono 150 milioni di persone si troveranno sommerse dalle acque, il triplo rispetto alle stime precedenti.

Gli autori di questo nuovo studio hanno stimato ciò che potrebbe accadere da qui al 2050 analizzando le immagini satellitari e i dati relativi all’innalzamento delle acque marine registrate finora.

Le mappe pubblicate dal New York Times mettono a confronto le previsioni precedenti e quelle di questo nuovo studio. Dalle immagini è evidente come la situazione potrebbe essere molto peggiore di quanto si credesse.

Il sud del Vietnam potrebbe quasi scomparire e 20 milioni di persone- un quarto della popolazione – si troverebbero letteralmente sommerse dall’acqua.

Vietnam livello del mare

In Thailandia, calcoli precedenti avevano calcolato il rischio di inondazioni per l’1% della popolazione, ma secondo la nuova ricerca la percentuale di cittadini colpiti dalle conseguenze dell’innalzamento delle acque sarà del 10%. Bangkok, capitale politica e commerciale, sarebbe la città più colpita in questa zona.

Bangkok livello del mare

Anche Shanghai, una delle città asiatiche più importanti, è pesantemente minacciata dall’acqua.

Shanghai livello mari

Un destino identico è previsto per il centro Mumbai, capitale finanziaria dell’India nonché una delle più grandi città del mondo, che potrebbe essere essere spazzato via dal mare.

Mumbai livello mari

L’innalzamento dei mari non risparmierà nemmeno Alessandria, in Egitto, e Bassora, la seconda città più grande dell’Iraq: entrambe potrebbero trovarsi sott’acqua entro il 2050.

Alessandria livello mari

Bassora livello mari

I cambiamenti climatici causeranno la modifica della morfologia delle terre emerse, inondando le aree costiere e costringendo i residenti a spostarsi verso l’entroterra. I danni economici e sociali potrebbero essere devastanti, e i risultati di questo studio dovrebbero servire a far comprendere alle istituzioni l’urgenza di un intervento.

Questi dati mostrano infatti la necessità di lavorare il più rapidamente possibile per tutelare le persone che abitano nelle zone a rischio.

È necessario investire per difendere le città in pericolo, attraverso la costruzione di barriere e altre strutture protettive, ma anche iniziare a far spostare fin da ora i cittadini verso l’entroterra.

Attendere una tragedia annunciata senza fare nulla potrebbe portare a conflitti, trasformando un problema ambientale in un’emergenza umanitaria e forse militare.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook