Il lago indiano cosi’ inquinato da prendere fuoco (VIDEO)

lafofiamme

Una scena da film dell’orrore. In India, un lago prende fuoco improvvisamente. Non c’entrano gli alieni e neanche fenomeni paranormali. È sempre e soltanto colpa nostra e dell’inquinamento. E i residenti di Bangalore, lo hanno capito bene.

All’inizio della settimana, gli abitanti si sono allarmati quando il lago Bellandur ha preso fuoco. Tornando indietro di qualche settimana, è tornato loro in mente che il bacino in superficie mostrava una spessa schiuma tossica simile alla neve se osservata da lontano.

E sotto questa finta coltre bianca, l’acqua aveva assunto un colore malsano, nero, a causa dei prodotti chimici riversati e delle acque reflue.

E poi, improvvisamente, la schiuma ha preso fuoco e da venerdì brucia quasi ininterrottamente. Secondo gli esperti, giunti sul posto, ad alimentare le fiamme è un mix di petrolio e fosforo da rifiuti industriali non trattati e liquami. Questa combinazione ha creato le condizioni per il cocktail esplosivo.

lagoInfuocato

Le zone umide nelle vicinanze prima contribuivano a filtrare il lago, ma sono state divorate dallo sviluppo. “Queste zone umide agivano come depuratori. Ma tutte quelle che circondano il lago sono state invase e non c’è posto per la depurazione naturale. L’inquinamento in questi laghi è incontrollabile,” ha detto un ufficiale che si è occupato del controllo dell’inquinamento locale.

Venkatesh, residente di Yamlur, nella zona, ha detto che le autorità (il Bruhat Bangalore Mahanagara Palike – BBMP e il BWSSB) non hanno ascoltato le loro lamentele.

E l’acqua del lago si è riversata anche per le strade di Kariammana Agrahara che si ricollega alla circonvallazione esterna. La pioggia ha infatti peggiorato la situazione, innalzando il livello delle acque del lago.

A causa delle fiamme dell’ormai celebre lago di fuoco, i residenti hanno anche riferito reazioni allergiche e una sensazione di bruciore, causati dalle tossine rilasciate dalla schiuma.

Francesca Mancuso

Foto: The Indu

LEGGI anche:

Inquinamento delle acque in Cina: le immagini shock che dovrebbero far riflettere

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

Coop

Arrivano nel reparto ortofrutta i meloni senza glifosato

dobbiaco

corsi pagamento

seguici su facebook