A Taranto brucia la palude degli aironi: a rischio centinaia di specie protette (FOTO e VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un incendio ha distrutto parte della riserva naturale “Palude La Vela di Taranto”, nella zona del Mar Piccolo, almeno sei le squadre dei Vigili del fuoco impegnate per spegnere le fiamme dell’oasi Wwf.

È una delle aree naturali più importanti della Puglia, alle porte della città di Taranto, un angolo di paradiso conosciuto per la sua biodiversità e l’avifauna. Ma nella giornata di ieri, parte della zona è stata interessata da un incendio doloso.

Come si legge sul sito del Wwf Taranto:

“L’oasi rappresenta un tesoro per il patrimonio naturalistico. Ricchissima la flora prevalentemente di tipo alofila ed ancor più ricca ed interessante la fauna caratterizzata sia da specie stanziali, sia migratorie, un gioiello che ha bisogno di tutti noi per resistere al degrado e per essere fruibile al maggior numero possibile di persone”.

Non c’è ancora la stima esatta dei danni, ma il fuoco ha avvolto la pineta arrivando fino al deposito dell’aeronautica militare, quindi gravemente a rischio 25 ettari di vegetazione. Nella palude dove il Wwf stava lavorando alla realizzazione di un ecomuseo, nidificano e sostano specie protette.

incendio taranto
incendio taranto

Ci sono aironi, l’avocetta, il martin pescatore, i cavalieri d’Italia e tanti altri animali duramente provati a causa dell’incendio. Tempestivo l’intervento delle fiamme gialle, esercito, marina e polizia locale, ma la gravità della situazione ha richiesto anche il supporto dei Canadair.

incendio taranto2

“Gli animali che potevano sono riusciti a volare via, ma i volatili più giovani, i pulli, sono rimasti bloccati all’interno”, ha detto Fabio Millarte, presidente del Wwf Taranto.

Dominella Trunfio

Foto: La Ringhiera

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook