Nel silenzio generale un terribile incendio ha distrutto l’oasi WWF di Saline Joniche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Oasi Naturale del Pantano di Saline Joniche, dove i fenicotteri rosa (e non solo)  nidificano, è stata completamente distrutta dalle fiamme. E nessuno lo ha detto, né scritto. Passa sotto silenzio dunque il disastro ambientale documentato da Federico Curatola, Presidente del Centro Studi Enrico Costa. L’incendio, scoppiato nella notte, è proseguito anche nel corso della mattina del 17 luglio.

L’oasi sorgeva (dobbiamo purtroppo usare il passato) a Saline Joniche, frazione costiera del comune di Montebello Jonico in provincia di Reggio Calabria, ed era costituita da due laghetti di acqua salmastra, testimonianza rimasta di un’antica salina presente in quella zona, bonificata e prosciugata negli anni ‘70 per consentire la costruzione del complesso industriale della Liquichimica Biosintesi.

incendio oasi wwf 17 luglio 2021

Mattina 17 luglio ©Federico Curatola/Facebook

Un vero paradiso per gli uccelli migratori, habitat naturale così importante per il mantenimento della biodiversità da essere stata inserito dall’Unione Europea tra i Siti di Interesse Comunitario. Ma che ora non esiste più: è un cumulo di cenere.

Ancora non sono note le dinamiche del disastro.

Fonti di riferimento: Federico Curatola/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook