Ancora un deposito di rifiuti in fiamme. Disastro ambientale in corso a Roma

incendio rifiuti Salaria

Nel cuore di Roma, un incendio di grandi dimensioni ha distrutto un deposito di rifiuti dell’impianto Ama di via Salaria.

È accaduto poco dopo le 4 del mattino, quando le fiamme hanno invaso un capannone di circa 2mila mq. I Vigili del fuoco sono ancora al lavoro per domarle. Sul posto sono presenti 12 squadre, per un totale di circa 40 uomini, insieme ai carabinieri.

Mezza città è invasa dal fumo e da una puzza tremenda, percepita addirittura fino al centro e al rione Prati.

Ad andare in fiamme è stato l’impianto di trattamento meccanico-biologico Tmb Salario, già da tempo al centro di polemiche e la cui distruzione potrebbe mandare in tilt la raccolta della spazzatura.

Di seguito, alcune foto scattate sulla Flaminia da una nostra collaboratrice:

tmb salario 2

tmb salario 3

tmb salario 4

L’impianto era considerato rischioso e per questo da mesi contestato dagli abitanti dei quartieri limitrofi:

“Questa è l’ulteriore prova che questo impianto di via Salaria va chiuso. Noi lo stiamo dicendo da mesi, è obsoleto, vecchio. Non bisognava arrivare a queste situazioni”, sono le parole del presidente del III Municipio Giovanni Caudo che si sta recando ora nell’impianto di trattamento dei rifiuti di via Salaria dove è in corso un incendio.

I carabinieri della compagnia Montesacro stanno indagando sulle cause dell’incendio, ancora non accertate. Come spesso è accaduto durante incendi simili, diossina e altri veleni potrebbero essersi già diffusi nell’aria.

In casi come questi, l’unica cosa possibile da fare è chiudere le finestre di case e uffici.

Il video

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: VVF

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

San Benedetto

Come ridurre le emissioni dell’acqua minerale: il caso San Benedetto

corsi pagamento

seguici su facebook