Incendio in corso a Porto Marghera: il fumo nero sta avvelenando la città, chiudete le finestre!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una malsana nuvola nera si è alzata poco fa dalla zona industriale di Venezia. Da Porto Marghera risuonano le sirene dell’allarme chimico. Questa mattina un grosso incendio è divampato all’interno di un’industria chimica di Porto Marghera, nella zona di Malcontenta. Le fiamme sono esplose all’interno dell’azienda 3V Sigma. C’è un ferito ustionato.

Secondo quanto fa sapere il Comune, sono in corso le verifiche da parte dei Vigili del fuoco e dei tecnici Arpav. La centrale operativa della Polizia locale e la Protezione Civile del Comune di Venezia hanno invitato

“tutti i residenti nel territorio della Municipalità di Marghera a portarsi in un luogo chiuso e tenere chiuse porte e finestre. In via prudenziale l’Amministrazione comunale invita i residenti nel territorio comunale e nei Comuni limitrofi di restare al chiuso e di chiudere le finestre. Per garantire la sicurezza degli operatori è stata interdetta la viabilità per un raggio di 1,5 chilometri, deviate le linee del trasporto pubblico”.

Deviata anche la circolazione dei mezzi pubblici che attraversano l’area. Qui un filmato postato dal comune di Venezia:

Anche il sindaco su Twitter ha postato alcune immagini e ha invitato la popolazione a rimanere in casa e a chiudere le finestre in attesa dei dati sulle sostanze che potrebbero essersi disperse:

Ecco un altro filmato pubblicato dal Primo cittadino:

I Vigili del Fuoco stanno accorrendo anche dai comuni vicini. Secondo l’ultimo aggiornamento, sul posto sono presenti 8 squadre a terra e il nucleo NBCR (Nucleare Biologico Chimico Radiologico). E inoltre scattato il piano di emergenza esterno per la possibile dispersione nell’ambiente di sostanze chimiche.

Purtroppo il vento soffia in direzione centro storico, quindi rischia di raggiungere tutta la città.

L’azienda coinvolta nell’incendio si chiama 3vsigma e si occupa della produzione di prodotti chimici speciali avanzati, dai polimeri sintetici alle molecole di chimica organica. I timori, oltre alla diffusione di sostanze pericolose nell’aria, riguardano anche la possibile presenza di vittime a seguito dell’incidente.

Fonti di riferimento: Comune di Venezia, Twitter/LuigiBrugnaro

LEGGI anche:

Colonna di fumo nero si alza nel cielo di Forlì dopo l’incendio di una fabbrica di resine e schiume sintetiche

Incendio in un’azienda di materie plastica a Gallarate: pericolo diossina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook