Maxi incendio al porto di Ancona: esplosioni e fumo. Chiusi parchi e scuole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maxi incendio ad Ancona dove la scorsa notte le fiamme hanno colpito e devastato la zona del Porto. L’aria è irrespirabile e le autorità cittadine hanno chiuso scuole, università ma anche parchi e impianti sportivi all’aperto.

Notte di paura ad Ancona dove si è sviluppato un incendio nell’area ex Tubimar, nella zona del porto. Tutta la città è stata ricoperta da una nube di fumo. Per questo, l’Amministrazione comunale ha disposto

“la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e delle sedi universitarie per la giornata odierna. Resteranno chiusi anche parchi e impianti sportivi all’aperto. La zona interessata all’interno del porto è presidiata dalla Polizia Locale, che ha chiuso in via precauzionale via del lavoro nei pressi dell’area ex tubimar” si legge nel comunicato ufficiale.

Secondo le prime ricostruzioni, le fiamme sarebbero partite a causa di un corto circuito elettrico a una delle attrezzature.

Questa mattina la situazione è ancora difficile, con il fumo che ancora avvolge la città.

“Per ridurre l’eventuale pericolo provocato dalla nube, si consiglia di tenere chiuse le finestre e di evitare l’uso dei condizionatori. In tarda mattinata si riunirà il Coc per fare il punto della situazione con l’autorità sanitaria e i Vigili del Fuoco” fanno sapere le autorità comunali.

Le autorità hanno invitato anche a limitare gli spostamenti per la giornata odierna e di tenere chiuse le finestre in attesa dei rilievi delle autorità sanitarie.

incendi ancona (2)

©Foto Ansa

Il Ministro dell’ambiente Costa ha inviato via social un messaggio ai cittadini e attende aggiornamenti sugli eventuali danni ambientali provocati dall’incendio:

Secondo l’ultimo aggiornamento dei Vigili del fuoco, le fiamme sono state appena circoscritte nella zona del porto.

“Dai primi rilievi sembra non ci siamo problemi di inquinamento ma abbiamo ritenuto opportuno essere prudenti in attesa degli esiti finali degli esami delle autorità preposte” ha scritto il sindaco Valeria Mancinelli.

Fonti di riferimento: Comune di Ancona

LEGGI anche:

Vasto, lo scenario spettrale della spiaggia di Punta Penna dopo gli incendi che hanno devastato la riserva naturale

Palermo, tremendo incendio doloso ad Altofonte: bruciati 200 ettari di bosco ed evacuate centinaia di persone

La riserva dello Zingaro non esiste più: le fiamme l’hanno completamente distrutta

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook