Incendio all’inceneritore di rifiuti di Anagni. Scuole chiuse e paura per il ‘fumo nero’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un vasto incendio è scoppiato questa mattina, attorno alle 5, all’ex capannone della Enercombustili del gruppo Acea Ambiente, ex Snia, in località Castellaccio, tra Anagni e Colleferro. Le fiamme hanno causato la dispersione nell’aria di una nube nera, visibile anche a distanza, che ha reso necessarie una serie di misure di emergenza per evitare possibili intossicazioni.

Ai residenti della zona, infatti, il sindaco di Anagni, Carlo Noto, ha intimato di tenere chiuse le finestre: “Avviso urgente per la citta di Anagni e tutto il comprensorio. a causa dell’incendio nei locali della ex snia in zona castellaccio è consigliato tenere porte e finestre chiuse negli uffici e nelle abitazioni a scopo precauzionale“.

Dopo che tre squadre dei vigili del fuoco hanno domato l’incendio, i carabinieri e i tecnici dell’Arpa e della Asl, Dipartimento di Prevenzione ambientale di Roma e Frosinone, hanno indagato sulle possibili cause, valutando anche gli eventuali rischi per la popolazione legati alla dispersione nell’aria di sostanze nocive. Anche alcune scuole sono state chiuse, come quella di San Bartolomeo, nel comune di Anagni, attraverso un’ordinanza diramata questa mattina. Secondo le disposizioni, ai residenti è stato consiglito di ridurre quanto più possibile l’esposizione alle esalazioni prodotte dall’incendio.

Ma la Protezione Civile del Comune di Frosinone ha rassicurato, dicendo che “non esiste al momento nessun tipo di allarme e che la situazione è costantemente monitorata dai diversi enti competenti”.

Nel capannonne all’interno del quale è avvenuto l’incendio si effettuerebbe lo stoccaggio di rifiuti e plastiche, definito CDR. Al momento non si conoscono le cause delle fiamme, si parla di un’esplosione di materiali chimici depositati da anni per via delle temperature elevate di queste ore che potrebbero aver prodotto un surriscaldamento dei macchinari.

2. frosinone incendio

foto: frosinoneweb

Secondo quanto si legge su FrosinoneWeb, “in zona l’aria è irrespirabile e si poteva avvertire fino a Valmontone, Sgurgola, Anagni, Paliano, Piglio“. Per questo, fin dall’inizio sarebbero stati attivati i tecnici dell’Arpa, per il rischio diossina nell’aria.

Tanta la paura, soprattutto questo si è diffusa la notizia che l’incendio fosse divampato presso i termovalorizzatori di Colleferro. A tal proposito, il sindaco della cittadina ha rassicurato: “Niente a che vedere con i termovalorizzatori di Colleferro come ho sentito dire da qualche parte, facendo confusione. Si tratta di un capannone industriale che sta al Castellaccio, fuori dell’area del nostro Comune, ma naturalmente ci siamo attivati per avere informazioni, essendo comunque in questo territorio“.

Qui il video che mostra la gravità dell’incendio, con l’enorme nuvola nera che copre l’intera area del frusinate.

Francesca Mancuso

Fonte foto: Lazio24news

LEGGI anche:

Incendio al Petrolchimico di Priolo. Paura per la nube nera giunta fino a Siracusa

Incendio all’Ilva di Taranto. La nube nera visibile da tutta la città (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook