La resilienza degli alberi: nonostante i gravi incendi, molte sequoie storiche della California sopravvivono

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Potevano finire incenerite, dopo millenni di vita sulla Terra, eppure ce l’hanno fatta e hanno resistito alle fiamme. Le protagoniste di questa storia sono delle creature davvero magiche, le sequoie.

Nei giorni scorsi la California è stata devastata da terribili incendi, che avevano coinvolto anche il più antico parco statale del paese, il Big Basin Redwoods State Park. Si temeva che molti alberi in un boschetto di sequoie secolari – di circa 2.000 anni e tra gli esseri viventi più alti sulla Terra – potessero essere divorate dalle fiamme ma pur nella devastazione sono riuscite a sopravvivere.

A documentarlo è stato un giornalista e fotografo dell’Associated Press che ha fatto un’escursione all’interno del famoso Redwood Trail al Big Basin Redwoods State Park lunedì e ha confermato che la maggior parte delle antiche sequoie aveva resistito all’incendio. Tra i sopravvissuti ce n’è una soprannominata Madre della Foresta.

“Questa è una buona notizia, non posso dirvi quanto questo mi dia tranquillità”, ha detto Laura McLendon, direttore della conservazione per il Fondo Sempervirens, gruppo ambientale dedicato alla protezione delle sequoie e dei loro habitat.

La sede storica del parco è scomparsa tra le fiamme, così come molti piccoli edifici e infrastrutture del campeggio, andati in fumo.

“Ma la foresta si è salvata”, ha detto McLendon. “Ricrescerà. Ogni vecchia sequoia che abbia mai visto, a Big Basin e in altri parchi, ha cicatrici da fuoco. Hanno attraversato più incendi, forse peggio di questo. “

Quando gli incendi boschivi, le tempeste di vento e i fulmini colpiscono gli alberi di sequoia, quelli che non cadono possono riprendersi. La Madre della Foresta, ad esempio, alta 100 metri, era l’albero più alto del parco. Dopo che la cima si è staccata durante una tempesta, un nuovo tronco è germogliato dove prima c’era la vecchia vegetazione.

Gli alberi che cadono alimentano il suolo della foresta e diventano nutrici da cui crescono nuove sequoie. Molti animali, dalle lumache agli insetti, prosperano sotto i tronchi.

Il parco di Big Basin è stato inaugurato nel 1902 ed è stato il primo luogo in cui ha preso il via la tutela delle sequoie e la loro importanza. Questo polmone verde, non lontano da San Francisco, ogni anno viene visitato da 250.000 persone ma durante il lockdown è stato chiuso al pubblico. Era stato poi riaperto di recente ma gli ultimi incendi ne hanno fatto richiudere i cancelli. Inoltre, la principale via dia accesso è bloccata da diversi grandi alberi caduti su di essa.

La foresta ce la farà a recuperare, sperando che non sian funestata da nuovi incendi. Ma intanto le sequoie offrono un nuovo esempio di resilienza.

Fonti di riferimento: AP via CBS

LEGGI anche:

Acquistano la più grande foresta di sequoie giganti del mondo e la salvano: ora è una riserva protetta

L’uomo che ha vendicato la morte di un albero piantando più di 100 sequoie

Addio alla sequoia gigante con il “tunnel” simbolo della California (FOTO)

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook