Incendi in Turchia: il fuoco ha trasformato Bodrum e i resort della costa sud in un inferno. Confermata la morte di 8 persone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da circa una settimana la Turchia è devastata da incendi distruttivi. Secondo il Ministero dell’agricoltura e delle foreste, dallo scorso mercoleì gli incendi sono divampati in 32 province con oltre un centinaio di incendi.

A causa delle fiamme sono già morte otto persone, tra cui due vigili del fuoco, e sono stati registrate diverse centinaia di feriti. Migliaia tra residenti e turisti sono stati evacuati da case e strutture ricettive e sono andati persi quasi 120mila ettari di terreno.

“Con la foresta, abbiamo perso tutto”, ha dichiarato un cittadino di Sirtkoy, Hatice Cinar.

Mentre boschi, foreste e terreni bruciavano, gli agricoltori hanno cercato di mettere in salvo gli animali delle loro fattorie, spostandoli verso le coste, ma le fiamme non hanno risparmiato nemmeno le spiagge.

I resort della costa sud in queste ore si sono trasformati in un inferno e i turisti terrorizzati sono stati allontanati dall’area, trasportati in barca. Le fiamme continuano a correre, minacciando le abitazioni e una centrale elettrica a Milas.

 

Le autorità hanno fatto sapere che al momento la maggior parte degli incendi – 117 – è sotto controllo, grazie al lavoro di 4.000 vigili del Fuoco a terra e ai mezzi aerei, alcuni dei quali inviati da altri Paesi. Le fiamme non sono completamente estinte e alcune località sono ancora in pericolo

Le cause degli incendi sono ancora da chiarire ma si ipotizza siano di origine dolosa. A prescindere però da chi abbia appiccato il fuoco, le ragioni per cui gli incendi sono sempre più devastanti dipendono dall’incuria umana e dal riscaldamento globale.

Il clima caldo e i venti secchi nell’Europa meridionale hanno contribuito agli incendi in tutta la regione del Mediterraneo, comprese diverse regioni del nostro Paese, della Grecia occidentale e della regione dell’Egeo. La Turchia è stata colpita in modo particolare e  la lotta contro le fiamme sembra tutt’altro che finita.

Sebbene gli incendi stagionali siano normali e addirittura benefici per gli ecosistemi, negli ultimi anni tendono a peggiorare e a causare sempre più danni a causa dei cambiamenti climatici che portano a importanti variazioni di temperatura, stress idrico e venti caldi. A questo si aggiunge l’incuria umana. Abbiamo abbandonato i boschi, non facciamo prevenzione e contemporaneamente, con le nostre attività, riscaldiamo il pianeta sempre di più: il risultato è purtroppo sotto gli occhi di tutti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Al Jazeera/Euronews/Linkiesta

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook