La Grecia continua a bruciare. Salvi, per ora, i tesori dell’antica Olimpia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Grecia gli incendi hanno continuato divorare boschi e abitazione per tutta la notte e almeno cinque luoghi diversi starebbero ancora bruciando senza controllo, tra cui l’antica Olimpia. Per il momento sembra che i tesori archeologici dell’antica città dei giochi olimpici siano salvi.

“I nostri uomini hanno combattuto una battaglia per tutta la notte per mantenere intatti il sito archeologico e la città”, ha dichiarato il ministro per la protezione dei cittadini Mihalis Chrisohoidis.

Da martedì dozzine di città e villaggi sono stati svuotati nei pressi di Atene, nel Peloponneso e sull’isola di Evia e gli avvertimenti verso la popolazione a lasciare le proprie case stanno continuando anche in queste ore.

Non mancano però le critiche verso l’operato del governo. Alcuni cittadini lamentano infatti che le autorità si stiano limitando a evacuare i residenti senza intervenire in modo efficace contro i roghi.

Il problema è che caldo estremo e forti venti continuano ad alimentare gli oltre 150 incendi. Secondo il governo, le autorità stanno facendo tutto ciò che è umanamente possibile per contrastare gli incendi che stanno devastando la Grecia dallo scorso fine settimana.

“Se ci sono persone che hanno riserve sul fatto che il cambiamento climatico sia reale, li invito a venire qui e vedere l’intensità dei fenomeni”, ha dichiarato il Primo Ministro, Kyriakos Mitsotakis.

Si teme che la situazione possa addirittura peggiorare in tutta la Grecia meridionale nelle prossime ore e soprattutto nella giornata di domani.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Reuters/The New Tork Times

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook