No, gli incendi a Chernobyl non sono domati: le immagini aeree smentiscono il Governo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il governo aveva rassicurato sostenendo che le fiamme erano state domate. Ma la foresta di Chernobyl sta continuando a bruciare, come mostrano le immagini dall’alto.

A poco valgono le rassicurazioni. Gli incendi stanno continuando a devastare la foresta primordiale che circonda la centrale. Il fuoco è divampato la scorsa settimana ed è a circa 1 km dalla regione in cui si è verificato il disastro nucleare.

Nei giorni scorsi, il servizio di emergenza dello stato ucraino aveva fatto sapere che le fiamme erano sotto controllo anche per via della pioggia che si era abbattuta nella zona ma le immagini dall’alto mostrano altro:

Il filmato girato da Reuters domenica mostra pennacchi di fumo nero che fluttuavano nel cielo e alberi ancora in fiamme, mentre i vigili del fuoco in elicottero cercavano di spegnere il fuoco. Le immagini aeree della zona di esclusione di 30 km intorno all’impianto hanno mostrato terra bruciata e annerita e ceppi carbonizzati di alberi ancora fumanti.

Secondo il video, anche la zona di sicurezza di 30 km attorno al luogo in cui si è verificato il disastro nucleare è stata distrutta dalle fiamme: il primo incendio ha riguardato un’area di 34 mila ettari come confermato dalle immagini satellitari e il secondo, che ha devastato un’area di 12 mila ettari, si è avvicinato a un chilometro dalla centrale nucleare.

Anche per Greenpeace Russia, la situazione è decisamente peggiore e gli incendi coprono un’area mille volte più grande di quanto sostenuto dalle autorità ucraine.

Radiazioni oltre i limiti

Inoltre, il servizio delle emergenze aveva confermato che i livelli di radiazione nella zona di esclusione non erano cambiati e quelli nella vicina Kiev, la capitale ucraina,

“non avevano superato i livelli naturali”.

Secondo Rashid Alimov, responsabile dei progetti energetici di Greenpeace Russia, gli incendi, alimentati dal vento, potrebbero disperdere i radionuclidi, atomi che emettono radiazioni.

Anche il tour operator Yaroslav Yemelianenko, che fa parte del comitato consultivo pubblico del servizio di emergenza, ha riferito su Facebook che la situazione è tutt’altro che rientrata. Insieme alla sua squadra ha esaminato l’area per portare rifornimenti ai vigili del fuoco, ma un posto di blocco della polizia ha impedito loro di raggiungere il cuore di Chernobyl.

“La situazione è critica. La zona sta bruciando. Le autorità locali riferiscono che tutto è sotto controllo, ma il fuoco si espande rapidamente sul territorio”, ha scritto su Facebook spiegando che “l’incendio ha raggiunto Pripyat ed è a due chilometri dal sito di stoccaggio Pidlisny – dove si trovano i rifiuti nucleari più attivi di tutta la zona – e da Chernobyl stessa”.

Ma il governo minimizza…

Fonti di riferimento: Reuters, BBC, Somagnews

LEGGI anche:

Incendi Chernobyl: ancora non si riescono a domare le fiamme che hanno quasi raggiunto i depositi radioattivi

Radiazioni 16 volte superiori al normale, dopo l’incendio boschivo vicino a Chernobyl

Brucia la foresta radioattiva vicino alla centrale nucleare di Chernobyl

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook