Incendi in Australia: il fumo sta arrivando fino in Sud America

Non solo Australia, e nemmeno solo Oceania, il disastro è mondiale: il fumo e le ceneri sono arrivate persino in Sud America: Argentina e Cile annunciano di essere ormai contaminati dall’immane tragedia ambientale (ancora in corso).

Non è nemmeno più solo la Nuova Zelanda a ritrovarsi colpita “a distanza” dal disastro australiano: le conseguenze degli incendi hanno valicato i confini dell’Oceania e sono arrivate in Sud America, trasformando ormai il tutto in un dramma mondiale.

Stando a quanto riportato dal Servizio Meteorologico argentino, il fumo è entrato nel Paese dal Cile, attraverso le Ande a circa cinquemila metri o più, sottolineando comunque che questo che non influisce sulla salute né danneggia la normalità dei voli (ancora).

“Sebbene non sia comune che arrivi fumo ogni volta che c’è un incendio, non è la prima volta che accade – spiega la metereologa Cindy Fernández – Questo è già entrato settimane fa, intorno al 6 novembre. È un fumo sparso che si può vedere”.

Ma cosa si può vedere e perché?

“In particolare è possibile vedere una diversa colorazione del cielo, poiché la luminosità del sole è attenuata e il cielo è più grigio, mentre durante il tramonto appare più rossastro […]. Il fumo ha viaggiato dall’Australia mescolato con l’aria. Durante il percorso si disperde in particelle, una parte delle quali sta precipitando sotto forma di pioggia”.

E non solo Argentina e Cile, perché secondo gli esperti tutto questo potrebbe invadere anche il Brasile e poi forse anche altre Nazioni.

I dati certi sono già molti, comunque, e nessuno incoraggiante: gli incendi hanno già rilasciato nell’atmosfera circa 400 Mton di anidride carbonica e il 2 gennaio le più alte concentrazioni di monossido di carbonio atmosferico nel mondo erano sopra il “pulito” Oceano Pacifico del Sud, provenienti dagli incendi del New South Wales, lo stato australiano più colpito, di molte volte superiori alla media 2003-2018.

E, cosa ancora più preoccupante, gli incendi non si fermano.

Leggi anche:

Cover: AFP

Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook