Le impressionanti immagini satellitari del fiume nell’Artico diventato rosso sangue, dopo lo sversamento di 20 mila tonnellate di petrolio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le candide acque dell’Artico si tingono di rosso. Il nostro inquinamento non risparmia nessuno, neanche il Polo Nord. Le immagini dall’alto che arrivano da Norilk sono terrificanti e mostrano tonnellate di petrolio alla deriva lungo il fiume Ambarnaya.

In Russia è in corso un grave disastro ambientale, uno dei più gravi degli ultimi tempi. Il 29 maggio da uno dei serbatoi di carburante di una centrale elettrica di proprieta del colosso Norilsk Nickel è stata registrata la fuoriuscita di oltre 20.000 tonnellate di petrolio e lubrificanti. Gran parte di essi si sono riversati nel fiume Ambarnaya.

Nonostante i tentativi di arginare i danni, la situazione ormai sembra sfuggita di mano, come mostrano le immagini registrate anche via satellite e pubblicate su Twitter. Quelle che seguono sono state registrate dal satellite Sentinel2 dell’Agenzia Spaziale Europea.

Qui altre immagini scattate dall’alto, che mostrano la nauseabonda marea rossa che ha invischiato il fiume russo.

Non mancano le polemiche. Il presidente Putin ieri ha dichiarato lo stato di emergenza ma ormai sembra davvero troppo tardi visto che, anche se lo sversamento si è verificato il 29 maggio, la notizia è trapelata solo giorni dopo.

Secondo Norilsk Nickel, uno dei serbatoi di carburante della centrale elettrica ha perso pressione probabilmente a causa del global warming: potrebbe essere lo scioglimento dei ghiacci dovuto ai cambiamenti climatici ad aver favorito il cedimento dei pilastri dei serbatoi e di conseguenza la fuoriuscita del petrolio.

Ma a prescindere dalle cause, adesso si temono le conseguenze.  A rischio è tutta la rete dei fiumi siberiani. Il fiume Ambarnaïa, colpito dall’inquinamento, sarà difficile da ripulire perché è lontano dalle strade. Inoltre non è navigabile perché è poco profondo. Si tratta di un disastro ambientale ancora più grave di quello avvenuto nel 2007 dello Stretto di Kerch, nel Mar Nero. Allora venne registrata una fuoriuscita di petrolio pari a 5000 tonnellate e venne richiesto l’intervento dell’esercito e di centinaia di soccorritori.

Il ministro russo dell’Ambiente Dmitri Kobylkin ha dichiarato che solo il Ministero russo per le situazioni di emergenza potrebbe gestire la pulizia “forse conl coinvolgimento dei militari”.

Fonti di riferimento: BBC, Nornickel

LEGGI anche:

Dieci anni dopo la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico, c’è la minaccia che il disastro si ripeta

Fuoriuscita di petrolio al largo delle Isole Galapagos, altro disastro ambientale? (VIDEO)

Perforazioni petrolifere in Alaska: via libera a Eni per trivellare l’Artico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook