Ilva di Taranto: un nuovo incidente provoca una vittima e un ferito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo incidente all’Ilva di Taranto. Due operai, di cui uno di una ditta esterna, sarebbero precipitati da un’altezza di 15 metri. Uno dei due è morto, l’altro è in gravi condizioni ed è ricoverato presso l’ospedale SS Annunziata di Taranto.

Come ha spiegato l’Ilva in un comunicato, l’incidente è avvenuto nell’area cokerie durante una operazione di intervento di manutenzione alla batteria 9, una delle batterie ferme perché in rifacimento.

La vittima è Ciro Moccia, operaio della manutenzione di 42 anni. Antonio Liddi, lavoratore di 46 anni della ditta esterna MR, è invece ricoverato e le sue condizioni sono in corso di valutazione.

L’incidente sarebbe avvenuto attorno alle 4.40 del mattino, ma la dinamica è ancora da accertare. L’autorità giudiziaria è impegnata per cercare di chiarire quanto accaduto.

Il Presidente ed il Direttore di Stabilimento esprimono la loro vicinanza ai parenti e in segno di cordoglio sono state sospese tutte le attività di Stabilimento” si legge nella nota dell’Ilva.

Intanto, la Fim Cisl ha chiesto che vengano accertate immediatamente le responsabilità dell’incidente e proporrà a Fiom e Uilm uno sciopero di 24 ore di sciopero.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Ilva di Taranto: una tromba d’aria colpisce lo stabilimento. Feriti e un disperso

Carbone in mare a Taranto. L’Ilva incolpa il vento

Ilva di Taranto: ieri il sì di Napolitano. E l’ambiente? E la salute? E la legge?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook