Ilva di Taranto: pubblicato il decreto che sblocca 336 milioni di euro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin


Ilva di Taranto. Il Consiglio dei Ministri, riunitosi questa mattina a Palazzo Chigi, ha approvato un decreto legge che possa garantire un immediato avvio delle procedure di bonifica delle aree inquinate del tarantino. Per farlo, ha garantito aiuti per 336 milioni di euro, necessari per gli interventi.

Così facendo sono state individuate le misure per la semplificazione e l’accelerazione delle procedure che metteranno subito a disposizione le risorse previste dal Protocollo d’intesa del 26 luglio scorso.

Dopo l’incontro con le autorità dell’Ilva, i Ministri hanno dunque ritenuto necessaro un intervento celere per risolvere la crisi che da mesi ha colpito l’area. Negli ultimi giorni, la tensione è stata alta. I lavoratori dell’Ilva hanno protestato duramente contro la decisione della procura di sottoporre a sequestro senza facoltà d’uso degli impianti, a seguito dei risultati delle perizie sull’inquinamento ambientale. Una delle ultime analisi aveva mostrato che nelle urine degli abitanti era presente una quantità di piombo troppo alta.

Una settimana fa, il gip Todisco ha firmato il provvedimento di sequestro facendo scattare anche 8 misure cautelari per dirigenti ed ex dirigenti dell’Ilva, indagati per disastro ambientale. Anche il Codacons era sceso in campo avviando un’azione di risarcimento.

Ma oggi il vento sembra spirare dalla parte giusta. Il CdM ha dato il via libera al decreto inserendo il sito di Taranto nel Progetto SENTIERI (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento), finanziato dal Ministero della salute e condotto sotto il coordinamento dell’Istituto superiore di sanità, Dipartimento ambiente e prevenzione primaria.

Oggi è in corso l’udienza al tribunale del riesame di Taranto – ha spiegato il Ministro dell’Ambiente Clini – e l’Ilva presenterà le sue valutazioni tecniche sulle perizie della Procura. Questo è un fatto positivo, perché consentirà alla magistratura di avere più elementi conoscitivi“. Il ministro ha dunque approvato la decisione dell’Ilva di ritirare tutti i ricorsi contro il ministero dell’Ambiente: “L’azienda ha deciso di mettersi a un tavolo con ministero e Regione per trovare le soluzioni“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook