Il Nucleare porterà vantaggi ai Comuni interessati. Parola del Presidente dell’Enel

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come abbiamo accennato più volte nelle scorse settimane, la campagna del governo a favore del nucleare per convincere gli italiani è partita a pieno ritmo, coinvolgendo anche personalità note e stimate come Umberto Veronesi. E non poteva certo mancare tra queste, l’appello a favore dell’energia atomica di Piero Gnudi, Presidente dell’Enel.

Penso che quando spiegheremo i rischi, e spiegheremo i vantaggi, anche in Italia ci saranno Comuni che vorranno avere nel proprio territorio delle centrali nucleari – ha detto Gnudi – Certamente per fare centrali nucleari ci vorranno i siti, quindi qualcuno dovrà essere disposto a farle”.

Secondo quanto detto dal Presidente Gnudi, durante il meeting con le aziende italiane del centro-nord d’Italia che operano nel settore nucleare, (tenuto nella sede di Unindustria a Bologna) molti comuni del nostro Paese offriranno la loro disponibilità ad ospitare delle centrali nucleari non appena ne scopriranno i vantaggi.

A dispetto di tanto ottimismo però, alcune persone presenti all’incontro di Bologna, hanno evidenziato al Presidente dell’Enel che la Regione Emilia-Romagna si è espressa diverse volte contro la costruzione di centrali nucleari sul proprio territorio e Gnudi ha ribattuto che in Francia è avvenuta la stessa cosa. A Flamanville – dove attualmente è in corso la costruzione di un impianto nucleare EPR – c’erano diversi comuni disposti ad ospitare le centrali già prima che la zona fosse identificata e designata per la realizzazione di un nuovo impianto.

Immediate le reazioni di Legambiente Emilia-Romagna e anche del Partito Democratico:
La scelta di realizzare centrali nucleari in Italia e in Regione – ha detto Casadei del Partito Democratico – risulta inaccettabile dal punto di vista ambientale ed economico. La tecnologia francese EPR che viene proposta oggi in Italia e che viene presentata come rivoluzionaria non ha risolto i problemi dello stoccaggio delle scorie e della sicurezza dei reattori. Sappiamo inoltre che oggi ricorrere al nucleare avrebbe costi enormi, e che nessuno saprebbe dire con precisione quanto potrebbe costare costruire nuove centrali nucleari. Per questi motivi il nucleare è già stato messo al bando da una risoluzione dell’Assemblea Legislativa presentata dal centrosinistra, prima firmataria Roberta Mori (PD), nella seduta dello scorso 7 ottobre”.

E visto che Gnudi questi vantaggi non li ha esplicitati noi vorremmo invece ricordarne gli svantaggi e i 10 motivi per non passare al nucleare.

Verdiana Amorosi

Leggi tutti i nostri articoli sul nucleare

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook