Clima: il 2012 anno nero per emissioni e riscaldamento globale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 2012 è stato uno dei 10 anni più caldi di sempre a livello globale. Tra i fenomeni che lo hanno caratterizzato uno scioglimento record dei ghiacci dell’Artico e il picco delle emissioni di CO2 prodotte dai combustibili fossili. Tali fattori lo hanno portato a piazzarsi tra il nono e l’ottavo posto tra i più caldi mai registrati nella storia.

Lo ha rivelato un grosso studio realizzato dagli scienziati del Noaa, l’agenzia meteorologica Usa, pubblicato nel rapporto annuale State of the Climate in 2012. L’analisi è stata svolta da 384 scienziati provenienti da 52 paesi e fornisce un aggiornamento dettagliato sugli indicatori globali climatici, sugli eventi meteorologici significativi e su altri dati raccolti dalle stazioni di monitoraggio ambientale e dagli strumenti su terra, mare, ghiaccio, e il cielo.

Molti degli eventi che vi sono stati nel 2012 lo avrebbero reso un anno “interessante” per gli scienziati perché è stato possibile conoscere le tendenze a lungo termine del clima e sulle emissioni inquinanti, con le loro conseguenze che possono essere così riassunte: il ghiaccio marino artico si sta sciogliendo e il pianeta nella sua interezza sta diventando un luogo sempre più caldo.

Il rapporto ha utilizzato decine di indicatori climatici per tracciare e identificare i cambiamenti e le tendenze globali del sistema climatico. Questi indicatori comprendono le concentrazioni di gas a effetto serra, la temperatura dell’atmosfera inferiore e superiore, la copertura nuvolosa, la temperatura della superficie del mare, l’innalzamento del livello del mare, la salinità dell’oceano, il ghiaccio marino e la copertura nevosa. Ogni indicatore include migliaia di misurazioni da più set di dati indipendenti.

E quattro grandi insiemi di dati indipendenti hanno mostrato che il 2012 è stato tra i dieci anni più caldi mai registrati, classificandosi tra 8 ° o il 9 ° posto a seconda del set di dati utilizzato. Gli Stati Uniti e l’Argentina hanno avuto il loro anno più caldo mai registrato.

Nel frattempo, l’Artico continua a riscaldarsi, l’estensione del ghiaccio del mare sta raggiungendo il record minimo e l’area ha continuato a scaldarsi al doppio della velocità rispetto alle latitudini più basse. Le misure del ghiaccio marino artico nel mese di settembre nell’emisfero nord hanno raggiunto minimi storici. Un nuovo record di fusione è avvenuto a luglio sulla calotta glaciale della Groenlandia quando il 97 per cento dello strato di ghiaccio ha mostrato una qualche forma di fusione, maggiore di quattro volte rispetto alla media dell’anno.

Basterebbe questo a fare capire i rischi che sta correndo il pianeta per colpa dei cambiamenti climatici. Ma non è tutto. L’aumento del livello del mare è altrettanto preoccupante. E la possibilità che città come Miami, New York e Boston spariscano è tutt’altro che remota.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: quei devastanti 4° in più. L’allarme della BCE

Cambiamenti climatici: ecco come i castori proteggono il pianeta

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook